Presicce presenta la fiera di S.Andrea con falò

La cultura salentina è una delle culture più varie e più ricche mai conosciute in Italia: oggi più che mai il Salento è orgoglioso di mostrare al mondo intero la bellezza del suo patrimonio culturale e artistico, e le sue magnifiche cittadine. La cultura salentina vive di tradizioni folkloristiche, di un ricco artigianato, di un’architettura tra le più belle e nobili d’Italia, vive della tradizione musicale di geni classici, o di colorate note folkloristiche come quelle delle feste in onore dei Santi.

A Presicce, in occasione dei festeggiamenti di Sant’Andrea, per esempio, è consuetudine mangiare le triglie. Nel corso del tempo questa tradizione è diventata la Sagra del pesce.
Il 29 e il 30 novembre 2012 a Presicce, come ogni anno, si tiene la Fiera e Festa di Sant’Andrea, il Santo pescatore, ciò è sottolineato dalle tre triglie che porta in mano.
Andrea apostolo, di professione pescatore, in seguito al suo martirio, avvenuto il 30 di novembre del 60 d.C., nella città greca di Patrasso, assurgerà agli onori dei cieli in qualità di protettore di tutti i pescatori e marinai del mondo. E proprio loro, pescatori e marinai di Presicce, lo ricordano con questa festa nel suo ‘dies mortis’.

In tutto questo l’arte salentina emerge fiera della propria tradizione storica; il Salento non finirà mai di stupire anche il più fine degli intelleti umani, per questo viene riconosciuto come un mito senza fine, quasi immortale, nonostante le molteplici vicissitudini, che nella storia ne hanno segnato il carattere.  Particolare curioso della festa dedicata a Sant’Andrea a Presicce, è che per annunciare l’arrivo della festa patronale, già 9 giorni prima dalle 3 alle 6 del mattino, i musicisti suonano il tamburello per  le vie cittadine, vestiti in costume tradizionale.
Il Salento è una terra ricca di storia e tradizioni: oltre alle sue bellezze naturali, che la rendono famosa in tutto il mondo, presenta numerosi aspetti folkloristici con radici lontane nei secoli.Tra le usanze di questo lembo di Puglia uno degli elementi più tipici è sicuramente la varietà dei costumi locali, diversi da paese a paese. I costumi salentini sono particolarmente elaborati e variopinti: ricchi e a colori vivaci quelli delle donne, più severi quelli degli uomini.
Oltre ad essere testimonianza della cultura locale questi abiti rappresentano un pezzo di storia di Presicce, poichè derivano da influenze romane, orientali, turche, e sono dunque segno delle diverse civiltà che si avvicendarono nel controllo della regione; questo è il motivo principale dell’eterogeneità dei costumi salentini, soprattutto di quelli femminili, attraverso i quali è possibile ripercorrere il lungo cammino compiuto dai pugliesi dalle origini fino ad oggi.

Nella piazza principale della cittadina, un grande falò viene acceso e mantenuto vivo durante i due giorni di festa; il fuoco in questo caso è inteso come simbolo di luce e di vita e collegato strettamente con il culto del sole. Il fuoco è un elemento presente anche nei falò che i contadini salentini un tempo erano soliti accedere nel periodo che va dal solstizio d’inverno al solstizio d’estate: le usanze prevedevano salti e danze di pizzica e taranta intorno al fuoco, a voler simboleggiare il delicato e importante momento in cui nel corso dell’anno si passa dal buio alla luce, dalla morte della natura alla vita.

Durante la ricca fiera che si tiene in occasione della festa di Sant’Andrea, l’artigianato salentino è da sempre un creatore solitario affidato esclusivamente alle proprie risorse creative. L’abnegazione e l’impegno hanno sempre vinto, nel passato, la scarsa disponibilità dei mezzi e materiali in Salento, raggiungendo insperati successi; basti pensare al mercato dei cesti in vimini, dei fischietti, delle lavorazioni in ferro battuto. Tra le forme di artigianato artistico fanno spicco, inoltre, la ceramica di Grottaglie, gli oggetti in pietra leccese e i merletti a tombolo.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *