Progetto La Grande Foresta

Il Salento ha organizzato spettacoli teatrali dedicati ai giovanissimi, che si sono svolti durante i mesi invernali e primaverili al Teatro Comunale di Nardò, raccolti in una grandiosa rassegna denominata “Piccoli sguardi”. A conclusione di questa ammirevole iniziativa, l’ultimo spettacolo si svolgerà presso la Riserva Naturale di Torre Guaceto, a circa 18 km da Brindisi, che verrà raggiunta con un apposito pulmino: l’importante area di interesse naturalistico comprende un tratto di costa adriatica lungo 8,4 chilometri e una riserva marina, nonchè le 5 isolette disposte parallelamente alla riva. La Riserva, unica in Italia ad includere una parte terrestre e una marina, verrà visitata dai giovanissimi partecipanti, che avranno a disposizione delle guide.

L’intera zona si compone di diversi ecosistemi ed è dominata da una torre costiera d’avvistamento risalente al 1531, oggi sede del Centro di Educazione Ambientale del WWF. Affascinante sarà ammirare un ecosistema naturale di macchia mediterranea, aree agricole coltivate principalmente ad ulivo e un importante sistema di dune.
Ai giovani ospiti di “Piccoli sguardi” verrà anche presentata l’Area Marina protetta di Torre Guaceto, un tratto di costa, lungo sei chilometri, che comprende un paesaggio dai forti caratteri mediterranei che dal mare scivola oltre le dune, attraverso le paludi.

Il Centro Visite di Torre Guaceto accoglierà i ragazzi per attività di educazione ambientale e percorsi sensoriali che saranno di integrazione alle visite guidate in Riserva. Le caratteristiche espositive mettono a disposizione le chiavi di lettura del territorio nel suo complesso: un ambiente dove i luoghi della riserva si raccontano secondo percorsi che introdurranno i ragazzi alla conoscenza delle caratteristiche storiche, ambientali e paesaggistiche del territorio. Sono rappresentati i differenti habitat, proponendo sia all’interno dell’edificio che nei luoghi esterni del giardino botanico, un itinerario costituito da materiali, suoni, odori, colori, gesti e memorie che evocano le specificità dei luoghi della riserva.
Nel sistema espositivo, i ragazzi non solo saranno introdotti alla conoscenza del territorio e alla Riserva stessa attraverso le sue componenti (flora, fauna, paesaggio, tradizioni, storia, archeologia, geologia e cultura) ma coglieranno anche spunti di riflessione sul futuro del territorio, aggiungendo un tassello alla crescita di una mentalità più “ecologica”.

Non mancherà certo la visita alla sala degli acquari che ospita 3 vasche nelle quali sono rappresentati gli ambienti caratteristici dell’area marina protetta di Torre Guaceto. In due vasche da 1.800 litri sono stati ricostruiti i fondali rocciosi con animali e vegetali caratteristici: spugne, stelle marine e pesci quali scorfani, saraghi, tordi. Serranidi ecc. in una vasca da 900 litri è stato riprodotto il fondale sabbioso con attinie organismi filtratori e molluschi tra i quali domina un polpo. In una vasca da 10.000 litri è rappresentata la peculiarità di Torre Guaceto: la comunità ittica con esemplari di pesci quali spigole, cefali ricciole ecc.; all’occorrenza questa vasca potrà ospitare esemplari di tartarughe marine, curate presso il centro recupero, prima del loro rilascio in mare.

Dopo pranzo, invece, per tenere fede alla rassegna teatrale organizzata dalla cittadina di Nardò, si assisterà allo spettacolo “La grande foresta” di Francesco Niccolini. La compagnia Thalassia,è specializzata nella realizzazione di progetti teatrali connessi alle tematiche dello sviluppo sostenibile e dell’educazione ambientale nelle sue diverse forme e linguaggi. In “La grande foresta” si racconta la storia dell’ultimo lupo abbattuto in Puglia, scritto da Francesco Niccolini e Luigi d’Elia, che è anche interprete protagonista in scena: lo spettacolo interrogherà il giovanissimo pubblico sulla metafora rappresentata da questo stupendo animale, capace di suscitare mistero e magia fin dai tempi antichi. Fin da piccoli a tutti vien detto che il lupo è sempre il cattivo della situazione; invece, i bambini di “Piccoli sguardi” comprenderanno che nella maggior parte dei casi, il responsabile non è lui.
La rappresentazione narrerà di in un piccolo paese in cui un bambino cresce tra scuola, casa e un grande bosco. Il bambino vuole diventare un cacciatore, come suo nonno, il quale, invece, gli impone la lentezza, la scoperta del bosco e delle sue regole, di un mondo che si sta estinguendo, ma che, per chi lo sa guardare con pazienza, è immensamente bello.

Per info:
Teatro Comunale di Nardò
Costo della manifestazione: 5 euro.
Tel.0833.571871, 348.9057300

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *