Recuperata tartaruga Caretta caretta nei pressi di Gallipoli

Osservatorio Faunistico Provinciale di Lecce
(Museo di Calimera)

Calimera, 15 aprile 2008
Nella giornata di oggi è giunto presso il centro recupero per tartarughe marine del Museo di Calimera un giovane esemplare, recuperato al largo di Gallipoli dal sig.Marco Montefusco.

Si tratta di una tartaruga appartenente alla specie Caretta caretta e ribattezzata Speranza dagli uomini della Capitaneria di Porto di Gallipoli e dal dott. Giorgio Cataldini, coloro che per primi le hanno prestato soccorso.

Una pattuglia della Polizia Provinciale di Lecce ha provveduto a trasferire l’animale a Calimera dove è stato visitato da Chiara Caputo e da Gianluca Nocco, veterinario responsabile, i quali hanno rilevato un grave stato di debilitazione e denutrizione che mette la tartaruga in serio pericolo di vita.

Speranza ha ricevuto le prime cure mediche finalizzate a restituirle un po’ di energie e stabilizzare le grandi funzioni vitali; al momento è ricoverata presso il centro di Calimera, stabulata in incubatrice, ma la prognosi resta riservata.

Non appena il quadro clinico lo renderà possibile la tartaruga sarà trasferita presso la Stazione Zoologica “Anton Dohrn” di Napoli dove affronterà il lungo periodo di cure e riabilitazione.

Nei giorni scorsi, inoltre, è stato avvistato un altro esemplare, purtroppo morto, in località Lido Conchiglie; con questo salgono a 32 gli esemplari di Caretta caretta morti o in difficoltà segnalati dall’inizio dell’anno.

L’Osservatorio Faunistico Provinciale di Lecce e la Stazione “Anton Dohrn” di Napoli realizzano le attività di salvataggio, recupero e reinserimento degli animali in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, la Capitaneria di Porto, la Polizia Provinciale, il dott. Giorgio Cataldini referente del CSC, il WWF di Lecce e il Servizio Veterinario Asl – Lecce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *