Rimembranze, la personale di Loredana Caracciolo a Lecce

Rimembranze, la personale di Loredana Caracciolo a Lecce, dall’11-5-2013 all’8-6-2013, Lecce

Rimembranze, la personale di Loredana Caracciolo a LecceIn via del tutto eccezionale, la mostra di Loredana Caracciolo resta fino all’8 giugno 2013, a Lecce, in esposizione presso la Fondazione Palmieri. La Fondazione Palmieri è nata con lo scopo di portare la cultura salentina nel mondo; la sua sede, l’antica Chiesa di San Sebastiano oggi restaurata, è ubicata nel cuore del centro storico della città di Lecce, ed è qui che hanno luogo numerosi eventi artistico-culturali di un certo spessore, come mostre, presentazioni di libri, dibattiti, rappresentazioni teatrali, concerti, congressi, eventi umanitari.
Fino all’8 giugno si potranno ammirare i capolavori della Caracciolo, nell’espozione denominata “Rimenbranze”.

Osservando i lavori della Caracciolo in questa singolare esposizione, può capitare di pensare e avvertire il senso di abbandono: poltrone vuote, luci spente, pianoforti chiusi, violini appesi al muro, cavalli a dondolo immobili; tutto pare abbandonato.
Anche per gli addetti ai lavori (critici, galleristi, curatori) è sempre più difficile il confine tra sentirsi abbandonati e rappresentare il senso dell’abbandono: il confine tra le due cose non è chiaro e distinto, si tratta di una scommessa. Ma, una volta che l’artista vede riconosciuto il suo ruolo, il problema della distinzione tra essere e rappresentare smette di esistere, perché quella
fatta da lui è arte.

Segni di vita trascorsa, di ricordi accumulati, silenziosi come l’ambiente che li ospita: una delle caratteristiche proprie dell’arte di Loredana Caracciolo è di instaurare una relazione con l’osservatore tanto importante da richiedere il suo intervento in quanto necessario alla riuscita dell’opera stessa, senza dimenticarsene mai. Nelle sue opere le piante hanno cambiato colore e mobili e oggetti tramandano storie vissute in un tempo imprecisato, vite consumate ma comunque dimenticate.
Alla categoria di “bello” la Caracciolo sostituisce quella di “abbandono”, concetto che aggiunge al precedente una componente intellettuale: un’opera non viene più percepita per la sua bellezza, ma per la sua capacità di far riflettere.

L’opera d’arte, nel caso della mostra “Rimembranze”, non va più solo guardata, ma comincia a venir letta, come un testo. In questo modo chiunque avrà l’onore di poter guardare questi capolavori, non sarà più un semplice spettatore, ma diventerà fruitore nella relazione con l’opera d’arte.

Per info:
Fondazione Palmieri
Vico dei Sotterranei
Lecce
telefono: 0832-092769

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *