Roca nel Mediterraneo, mostra archeologica ad Acaya

da gennaio 2014 al 31-12-2014 #rocanelmediterraneo #mostresalento

Vari mesi di eventi e aperture straordinarie del castello di Acaya a Vernole, ove si sta lavorando non soltanto per la conservazione ma anche per la produzione culturale. Si tratta di un grandissimo investimento da parte del Salento partito fin dal gennaio di quest’anno, e che proseguirà fino al 31 Dicembre 2014.

Roca nel Mediterraneo, mostra archeologica ad Acaya
“Roca nel Mediterraneo”, è il titolo di questa suggestiva mostra archeologica relativa la periodo della media età del Bronzo e della prima età del Ferro, quando in zona nascevano numerosi abitati costieri fortificati, tra cui l’affascinante e ben conservata Roca, appunto.

Venticinque anni di ricerche hanno comprovato l’esistenza di uno straordinario insediamento attorno al quale ruotavano gli interessi di una fitta rete di traffici che collegavano la zona a tutto il Mediterraneo, dall’Adriatico settentrionale, all’Egeo e al Vicino Oriente.

Organizzata da Provincia di Lecce e Istituto di Culture Mediterranee, insieme a Ministero per i Beni e le Attività culturali, Unione Europea e Regione Puglia, la mostra rappresenta un viaggio tra passato e presente dentro il castello, per conoscere da vicino la storia antica del Salento. E’ l’itinerario lungo vari mesi proposto da Luigi Coluccia e Oronzina Malecore, curatori dell’allestimento, e per l’occasione nei mesi di agosto e settembre 2014 ci saranno aperture straordinarie, abbinate a varie esposizioni, escursioni, visite guidate e trekking archeologici, mostre, concerti, rappresentazioni teatrali e anche degustazioni.

Nell’ambito della mostra si potrà leggere la lunga storia delle ricerche condotte a Roca a partire dal Rinascimento, e nel contempo si potrà ammirare l’insediamento protostorico di Roca e il contesto ambientale, in una ricostruzione dell’ecosistema antico. Nella sezione tematica sono esposte le mura di fortificazione, le modalità di navigazione, i luoghi del culto, vasellame realizzato con l’ausilio del tornio, il disco in lamina d’oro simbolo del culto solare, notizie sulla Grotta della Poesia accessibili anche ad un pubblico più giovane grazie a riproduzioni tattili e audio descrizioni.

All’interno di un più ampio progetto di tutela e valorizzazione di quest’area, la mostra intende divulgare i risultati scientifici degli scavi condotti nella zona; i vari settori dell’esposizione illustrano il persistente impiego del legno in ambito regionale, nella zona molto abbondante, dalla preistoria ad oggi, e il suo utilizzo nella carpenteria e nell’artigianato dell’età del Bronzo. Molto significativi anche i materiali esotici presenti, dalle ceramiche di tipo minoico-miceneo, ai metalli di derivazione europea-continentale, agli avori e ad altro ancora.

Nel momento in cui le strutture dell’archeologia diventano luogo di incontro, di organizzazione di mostre, convegni e attività culturali, significa che il Salento non sta lavorando soltanto alla conservazione ma anche alla produzione culturale: si tratta di un grandissimo investimento da parte della Regione Puglia, che fin’ora ha riscosso un notevole successo.

Per info:
Castello di Acaya
Vernole
Orari: 9.30-12.30, 15.30-18.30,;
sabato e domenica 10-12.30, 15.30-18.30.
Chiuso il lunedì.
Costo del biglietto: 5 euro intero / 3 euro da 6 a 14 anni.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *