Rocce magmatiche in Puglia

Le pietre magmatiche sono il risultato del raffreddamento del magma, il materiale presente allo stato fuso nelle viscere della terra e che talvolta può affiorare in superficie in seguito alle eruzioni dei vulcani ed altri fenomeni di spostamento e di trasformazione della crosta terreste sul pianeta.

Solitamente le rocce magmatiche risiedono ben profondamente nella crosta terrestre, e raramente sono direttamente visibili sulla superficie terrestre perchè si tratta di depositi rocciosi molto antichi, sopra i quali nel corso dei millenni si sono venuti a posare strati consistenti di altro materiale geologico, come le pietre calcaree, che vi si sono accumulati sopra, creando, mano a mano che cresce il livello, fenomeni di sprofondamento degli strati più sotterranei verso il basso (in Puglia per esempio lo strato di rocce sedimentarie è alto mediamente 2000 metri).

In Puglia le uniche rocce magmatiche affioranti si possono trovare in prossimità di Marina di Lesina, e precisamente nella località denominata Punta delle Pietre Nere. Circa l’80% del territorio in Puglia la superficie, dal punto di vista geologico, è costituita appunto di roccia calcarea e dolomitica.

dsc-4783
La roccia carsica predomina nel paesaggio pugliese

Queste ultime in particolare si sono formate grazie ad un lento e costante accumulo di materiale calcareo proveniente per la maggior parte dal lavorio delle creature marine che, per costruire il loro apparato difensivo, gusci e conchiglie, sintetizzava ed estraeva il carbonato di calcio presente nell’acqua marina. Tale sedimentazione, cominciata in epoche remotissime e continuata per centinaia di migliaia di anni, insieme a quella della solidificazione di fanghi e delle sabbie dei fondali a costituire il tufo, è quella che ancora oggi caratterizza il panorama naturalistico della Puglia.

Le rocce magmatiche sono state divise in due categorie principali, a seconda che la loro solidificazione sia avvenuta quando il magma è risalito in superficie oppure direttamente nelle profondità. Nel primo caso vengono definite intrusive, nel secondo invece effusive.

La conformazione di queste pietre è molto varia, e dipende dalla presenza di diversi minerali che influiscono sia sull’aspetto di queste rocce che sulle loro proprietà. In genere presentano l’aspetto di agglomerato di cristalli di piccola dimensione come è il caso di quelle più note come il granito, il basalto ed il porfido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *