Sagra campestre Maria SS. di Mellitto, con sfilata Carri floreali

Come tradizione religiosa e popolare, a Grumo Appula e a Mellitto a fine luglio si tiene la Sagra Campestre Maria SS. di Mellitto, dedicata appunto alla patrona dei campi. Un suggestivo pellegrinaggio a piedi da Grumo fino alla Chiesa della piana di Mellitto, chiesetta molto carina e ricca di preziose opere d’arte, eretta nel XVI secolo. Mellitto è una deliziosa frazione di Grumo, a 8 km circa dal paese, un paesino incantevole e accogliente, degno da trascorrerci un week end o una intera settimana.

Nella stessa serata poi ci sarà la traslazione in processione della statua dalla chiesetta della S.S. Trinità, seguendo il tragitto tradizionale, alla chiesa di Monteverde, dove verrà celebrata la Santa Messa di accoglienza. Una sfilata di sette magnifici carri tempestati di fiori di carta velina multicolori, andrà in parata per le vie del paese: la processione della statua della Madonna seguita dai caratteristici carri floreali, passerà per Piazza San Pio X, Via L. Servedio, Corso Umberto, Via V.Rella, Via Garzilli, Via Monteverde, Via Columbo, Via Manzoni, Via Verdi, Via della Repubblica, Via Cavour, Piazza Aldo Moro, Via L. Servedio, Piazza San Pio X.
Tutti i carri rappresentano, in colorati disegni floreali, immagini sacre: madonne, colombe, chiese, crocifissi;  miscelare armoniosamente forme e colori delle piante riprodotte fedelmente, ha un successo che dipende spesso dal caso, dal gusto personale e dall’esperienza, e così si potranno ammirare il verde-limone, il verde scuro, il glauco e il grigio-argentato posti in sequenza secondo rapporti di “armoniosità” mimando il fogliame. Effetti sorprendenti si potranno osservare, ottenuti accostando due o più piante dalla medesima forma della foglia e dal medesimo portamento, ma magari con colore divergente per creare effetti suggestivi.
I carri verranno trainati come sempre da cavalli, bardati con finimenti di cuoio e rame, anche se la tradizione nell’antichità parlava anche di buoi che tiravano i carri; ora si utilizzano anche moderni trattori, che oltre ai fiori accolgono numerose persone.
Ci sarà la tradizionale premiazione dei carri in Piazza Vittorio Veneto dove i responsabili dei carri si emozioneranno, applaudiranno i giganteschi mostri sacri dei fiori, spereranno, e alla fine alcuni di loro gioiranno.

Come ogni anno la sfilata intitolata alla Madonna sarà accompagnata dal rito delle panelle, o pani benedetti, distribuiti secondo rituali antichi: l’antica usanza, della distribuzione del pane benedetto, sarebbe stata istituita nel corso dell’anno 398 sotto il pontificato di papa Attanasio.
Dopo la messa, la processione e le litanie i devoti consumeranno nel bosco i prodotti della gastronomia locale: carni arrosto, pane appena sfornato, salumi, sedani, olive, formaggio e frutta di stagione.
Di fronte agli stand si apre lo spazio dedicato ai giochi popolari, alle attrazioni per i bambini e al mercatino che accompagna all’arena musicale dove è allestito il palco e la pista da ballo. Sarà una serata ricca di ospiti, comicità ed esilaranti gag offerte da gruppi cabarettistici di levello nazionale, per vivere grandi emozioni.
Sui vari stand, tante saranno le specialità in menù preparate con maestria e profonda esperienza da cuochi e massaie del luogo. A tener banco saranno i primi piatti, tutti rigorosamente a base di pasta fatta a mano, come una volta e tirata sul tagliere. Si potranno gustare in vario modo, al ragù oppure conditi in modo particolare, come solo la tradizione pugliese riesce a fare.
Ce ne sarà per tutti i gusti, visto che si spazia dalle pappardelle con frutti di mare per gli amanti della pesca, ai raffinati orecchioni burro e salvia, senza dimenticare ricette classiche le orecchiette con le cime di rapa. Insieme alle pastasciutte è d’obbligo segnalare, sempre nel reparto dei primi, anche i fusilli al patè d’olive.
Un posto di rilievo sarà assegnato alla grigliata di carne con salame ai ferri, salsiccia e spiedini.
La festa non lascia nulla al caso e per mantenere fede al suo nome propone anche specialità da “passeggio” con friselle farcite al prosciutto e alla salsiccia, oppure col classico pomodoro pugliese, da gustare nel corso della festa. E infine, a conclusione di un lauto pasto o per rinfrescarsi dalla calura estiva, non potranno mancare gelati e sorbetti.

Per informazioni:080.7839435

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *