Sagra dei Ciccecuòtte

Il 1° novembre in Piazza XX Settembre a Sant’Agata di Puglia (Foggia) si rinnova una antica tradizione: la Sagra dei Ciccecuòtte, che diventa l’occasione per rispolverare una antica tradizione d’origine pugliese di cui l’ingrediente principale è il grano duro, messo a bagno e poi bollito. In un secondo momento il grano è condito con vino cotto, melograno, noci e, per i più golosi, con la cioccolata. Nel centro del paese sono oltre un centinaio gli stand che espongono i ciccecuòtte e dato il periodo  sicuramente ci sarà lo stand dedicato ai funghi e a tutte le specialità gastronomiche pugliesi tipiche del perido autunnale.
La Pro Loco di Sant’Agata di Puglia, con il patrocinio del Comune e con la collaborazione dell’Associazione Santagatesi nel Mondo permette a molte delle antiche usanze di vivere ancora tra folklore, sapori e prodotti dell’artigianato locale, dei borghi e dei paesi della Puglia.

Si tratta di una tradizione dove religione, tradizione e folclore si fondono: la tradizione di questo prodotto infatti ha radici molto antiche che risalgono ai primi anni del secolo scorso. A quei tempi non si trattava, però, solo di una tradizione, ma di un vero e proprio rito: nel periodo dei morti ogni famiglia preparava un semplice e gustoso dolce, fatto con pochi e poveri ingredienti quali chicchi di grano cotti, acini di melograno e vino cotto. I bambini, in quel periodo bussavano alle porte delle abitazioni e, al canto di un ritornello, chiedevano una porzione di questo dolce.
Nel corso del tempo, c’e’ stato un mischiarsi di tradizioni antiche, pagane, e ritualità cristiana, che dettero origine a credenze e riti in uso ancora, e questo delle Ciccecuòtte oltre che propiziatorio è anche purificatore.

Le tradizioni popolari e il folklore sono una risorsa importante, culturale ed anche economica di ogni popolo nel valorizzare il territorio locale, nel recupero di questa ricchezza, utile a comprendere il presente partendo dal passato, per conoscere le proprie radici nella vita, nei riti, e nelle feste dell’anno. Sant’Agata con questa festa intende riproporre una delle antiche consuetudini locali che oggi, purtroppo, continuano a vivere solo nella memoria degli anziani, in quel ricordo di usanze e riti ormai quasi del tutto scomparsi.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info
{IMU_468_60}

I commenti sono chiusi.