Sagra della Granita di Spongano

Grazie alle sagre, alle feste patronali e agli appuntamenti gastronomici dedicati ai prodotti locali,  l’estate a Spongano si colora di mille allegre sfumature. Ogni sagra può essere un valido spunto per visitare i preziosi tesori architettonici e culturali del territorio: non perdete l’occasione per visitare la bella torre dell’Orologio, il palazzo Baronale edificato nel Cinquecento, la Chiesa Madre con l’ altare gentilizio, il Dolmen situato nel fondo denominato “Piedi Grandi”.
Intorno, magnifici paesini bianchi, campagne disseminate di olivi secolari, piazze circondate da antichi palazzi e chiese  barocche, gustando gli inconfondibili sapori del Salento.
La cittadina si anima il 15 agosto e le popolazioni si riuniscono alla Torre dell’Orologio per perpetuare gesti e usanze che affondano le loro radici nel passato e che rafforzano in loro il senso di appartenenza alla comunità.

Erede probabilmente delle antiche cerimonie con le quali in passato si usava accompagnare la consacrazione di edifici di culto mediante fiere, mercati e consumo collettivo di cibo,  la sagra della Granita di Spongano rappresenta oggi uno degli eventi ludico-popolari di maggiore consenso partecipazionistico cui aderiscono numerosi abitudinari della cosiddetta vacanza “mordi e fuggi”. Rappresenta, inoltre, una delle modalità più ricorrenti con cui la società urbana si rapporta al mondo delle tradizioni folcloriche, fruendone quella che ritiene essere la sua componente culturale più autentica e rappresentativa.

La granita di Spongano è ottima per rinfrescarci durante le caldissime giornate estive, e non solo, oltre ad assaggiarla al bar con gli amici, si può tranquillamente presentare a una sagra utilizzando semplicemente della frutta fresca ed un pò di zucchero. Intramontabili, fresche ma dai gusti sempre differenti, un’ottima alternativa al gelato, dalle classiche al limone e al caffè fino alle sperimentazioni con fragoline e pomodoro o al fico piccante: questo offrirà Spongano a Ferragosto.
A Spongano le granite sono delle vere e proprie opere d’arte che impegneranno gli esperti di tutta la cittadina, tutto il giorno, senza sosta. Nella piazza principale il palato troverà soddisfazione grazie a dei gusti particolarissimi, che saranno frutto della fantasia dei maestri di granite. Ed ecco che oltre alle classiche a base di frutta fresca (che sarà di prima qualità e non prelevata da una confezione di semilavorato professionale), ci saranno anche le chicche come la granita bigusto, la granita all’amarena  molto selvaggia e dal gusto intenso, quella al pistacchio, quella al mandarino, le granite di fragoline, gelsi neri, arancia rossa, mandorla e caffè. Uno dei punti forti di Spongano infatti, è proprio quello di utilizzare frutta pugliese fresca di stagione.

Famosissima in agosto la granita di Limone di Spongano: per ottenere più succo dai limoni, prima di spremerli, si fanno bollire per qualche minuto in una pentola, spremendoli quando sono ancora tiepidi.
Gli esperti delle granite conservano il succo dei limoni in un recipiente, poi uniscono acqua e zucchero ed iniziano, una volta caldo, a versarvi lo zucchero continuando sempre a mescolare, in modo che lo zucchero si sciolga meglio, coadiuvato anche dal calore. E’ per questo, infatti, che essenzialmente si cuoce il tutto.  Poi si pone il tutto all’interno di un recipiente e si mette in freezer e per le prime ore di tanto in tanto si dovrà mescolare, per evitare anche in questo caso, un deposito dello zucchero sul fondo.
Le granite di Limone di Spongano escono dai freezer solo 2 ore prima di essere consumate e si lasciano a temperatura ambiente.
Poco prima di servire, si taglia a pezzi la granita fino ad ottenere una granita cremosa ed omogenea, che verrà portata sugli stand appositamente allestiti a Spongano.

Per accaparrarsi flussi turistici in certi paesini si arriva ad offrire di tutto, fino a prodotti che con la tradizione locale poco hanno a che fare, come le feste della birra, della pizza, o le degustazioni di prodotti fuori stagione. Nel ciclo millenario, in Puglia si ha ben poco di veramente autoctono: tutto dalla vite alla patata, al pomodoro, è stato trapiantato, e quindi parlare di tradizione, tra l’altro in una situazione di mutamenti climatici e sociali abbastanza rapidi, è totalmente fuori luogo. Ma la granita di Spongano a Ferragosto è una delle tradizioni che non moriranno mai.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Un pensiero su “Sagra della Granita di Spongano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *