San Giovanni a Morigino e le leggende della fiaccolata

San Giovanni a Morigino e le leggende della fiaccolata, dal 23-6-2013 al 24-6-2013, Morigino

San Giovanni a Morigino e le leggende della fiaccolataNella storia della fede, San Giovanni è tra le personalità più singolari: è l’ultimo profeta e il primo apostolo, tanto venerato nella ridente cittadina di Morigino in Salento. Sorta nel 1192, Morigino da sempre ha venerato la figura di San Giovanni Battista il cui significato religioso è collegato alla rinascita attraverso l’acqua. Il 24 giugno coincide anche con un momento di grande importanza soprattutto tra la popolazione rurale, il solstizio d’estate, il tempo del raccolto.
La facciata della splendida parrocchiale di San Giovanni Battista a Morigino (1598-1604), è stata restaurata recentemente, e la chiesa dove anche il 24 giugno 2013 si terranno le celebrazioni liturgiche in onore di San Giovanni, appare splendida nella sua imponenza.
Ciò che colpisce di questa chiesa, sono le numerose teste di moro che qua e là sono scolpite. all’interno: sono tante e diverse, sui capitelli delle dieci colonne che separano le navate interne, sopra le canne dell’organo, sulla tela dell’altare raffigurante la Madonna Del Rosario.
Per il suo protettore, la piccolissima frazione magliese proporrà, il 23 giugno, la tradizionale fiaccolata, con raduno dei fedeli alle ore 20 in Piazza Aldo Moro a Maglie, e pellegrinaggio in direzione Morigino.
Da Maglie parte dunque la suggestiva processione in onore di San Giovanni, il Santo Patrono della cittadina, e sempre da qui prendono origine le varie tradizioni legate al culto del Santo, per arrivare fino al bel borgo di Morigino.

Così come un tempo si accendevano dei fuochi nella notte di San Giovanni per aspettare l’arrivo delle streghe guidate da Erodiade e Salomè, oggi a Morigino si tiene questa grande fiaccolata. La leggenda narra che Salomè, pentita per la morte di Giovanni Battista, coprì la sua testa di baci e lacrime, ma dalla bocca del Santo uscì un vento fortissimo che la spinse in aria dove restò a vagare per l’eternità.
Il fuoco nella notte di San Giovanni non è una tradizione solo Italiana: nelle regioni dell’Europa del Nord i fuochi accesi alla vigilia erano considerati purificatori. A Morigino una bellissima fiaccolata in onore del Santo deriva da un’antica credenza secondo la quale il sole (fuoco) in questa notte del 24 giugno si sposa con la luna (acqua, anch’essa simbolo di San Giovanni). Non a caso gli attributi di S. Giovanni sono il fuoco e l’acqua, con cui battezzava.

All’arrivo sul piazzale della Parrocchia si darà il via anche alla “Frisellata di San Giovanni”, con le caratteristiche friselle, un tipo di “pane” tipico che si presta bene alla preparazione di piatti prevalentemente estivi: bagnate sotto l’acqua corrente, vengono condite con l’olio, il sale, l’origano e il basilico, e anche arricchite con olive, capperi, funghetti, carciofini.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *