Santa Cesarea tra mito e benessere

Santa Cesarea Terme è un gioiello antico arroccato su un pendio della costa Salentina che scende verso un mare terso e blu da sembrare di cristallo. Qui la scogliera e le tante grotte preistoriche, che coronano il territorio lussureggiante ricco di verde, di piante e di bellezze naturali, trasformano questo lembo di terra in un luogo a dir poco paradisiaco.


fine-estate-03Terra abitata centinaia di anni prima della distruzione dell’antica città di Troia, è stata nel passato luogo ben conosciuto per le sue ricchezze naturali, le tante grotte che offrivano rifugio e riparo e le  famose terme sulfuree diventando protagonista assoluta di leggende e storie che si sono incarnate nella letteratura e nella storia del tempo. Il giallo e il forte odore di queste acque dai mille pregi salutistici hanno generato storie che si sono tramandate nella notte dei tempi.
La storia antica vuole che questa terra, per la sua locazione e le sue ricchezze, fosse diventata una meta ambita da parte di molte popolazioni in fuga (come i profughi Troiani che fuggirono all’incendio dell’antica città Greca e trovarono rifugio in queste terre) o luogo di naufragio da parte dei cretesi che giunsero su questa costa sbattuti dalla tempesta mentre tentavano di ritornare in Sicilia dopo aver vendicato la morte del Re Minosse e del figlio Dedalo.
Tra le mille storie che questa terra fertile ha generato, vi è il Ercole, personaggio mitologico dalla forza sovrumana, che lo vuole vittorioso nello scontro titanico contro i Giganti i quali, uccisi dal re, vennero poi seppelliti nelle grotte della zona (ricordiamo la Grotta dei Giganti, appunto) e cui corpi, putrescenti, hanno generato le acque sulfuree dal forte odore di zolfo che affiorano su queste terre.


Alla leggenda mitologica si è poi unita quella cristiana che, per giustificare la presenza di queste strane acque dall’odore fetido, vuole che lo zolfo disciolto in queste acque provenga dalla decomposizione del corpo di un uomo cattivo. Ad esso si unisce la storia di una fanciulla di nome Cesaria che, miracolosamente salvata da un intervento divino, andrà a dimorare nella grotta presso la sorgente, dal quale la cittadina prenderà il nome.
Quali che siano le note storiche e mitologiche della nascita di questa deliziosa città sul mare Ionio, oggi è una città che offre un mare spettacolare, scogliere e spiagge bianche e un luogo, le terme, dove è possibile curare, grazie alle sorgenti sulfuree, molte patologie di carattere respiratorio, dermatologico, ginecologico o reumatologico, diventando una spiaggia preziosa per la nostra saluta e il nostro benessere.
Le terme sono accessibili in ogni periodo dell’anno e gli alberghi e gli hotel della zona promettono al turista un’ospitalità accogliente e confortevole come solo i Salentini sanno offrire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *