Sant’Antonio da Padova festeggiato a Poggiardo

dal 13/06/2015 al 14/06/2015 #festasantonio #festesalento

Sant’Antonio da Padova ha saputo conquistare per sempre il cuore degli abitanti di Poggiardo, di ieri e di oggi ma sicuramente anche di quelli di domani.

Antonio da Padova festeggiato a PoggiardoLa tradizione del festeggiare il Santo a Poggiardo, è un appuntamento per rinnovare la venerazione e la gratitudine al Santo stesso. Da un lato il barocco salentino dona lo scenario ideale alla religiosità di questa zona della Puglia, offrendo emblemi, mascheroni, cupole; dall’altro la Chiesa ha influenzato tale religiosità offrendo la propria storia e dimostrando di saper inglobare riti ed usanze pagani, miti, leggende antecedenti il Cristianesimo e sapendo eliminare almeno gli aspetti più deleteri di queste usanze.
Sant’Antonio è particolarmente caro agli abitanti di Poggiardo: nato a Lisbona il 15 agosto 1195 e morto a soli 36 anni a Padova il 13 giugno 1231, conobbe ad Assisi san Francesco e divenne francescano, e forse è proprio questa conversione che lo rende tanto caro agli abitanti di Poggiardo. Dotato di grande umiltà ma anche di sapienza e cultura, fu mandato dallo stesso San Francesco in Francia a predicare contro l’eresia catara. Fu poi trasferito a Bologna e poi a Padova e per questo è conosciuto come Sant’Antonio da Padova.

Per questo, fondamentale è il progetto di alleanza fra gli abitanti di Poggiardo e Lui, progetto tutto proiettato in una dimensione di fede molto alta che guarda al cielo dove risiede la fonte inesauribile di ogni santità e di ogni bene.
Sant’Antonio non può non essere annoverato che al primo libro della storia di questa terra e indicato di generazione in generazione come via sicura, come solido punto di riferimento, come esempio di una esistenza e di un impegno da imitare.

I festeggiamenti in onore di sant’Antonio da Padova a Poggiardo hanno inizio il giorno stesso in cui la chiesa ne ricorda la morte, il 13 giugno; al termine della Messa in Chiesa si svolge la processione e poi la tradizionale cantata in onore del Santo e infine il simulacro del Santo, viene accolto da grida di gioia e giubilio dei fedeli e da grandi applausi. Per il 2015, la serata proseguirà con spettacoli di intrattenimento che si svolgono in Piazza.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info
{IMU_468_60}

I commenti sono chiusi.