Taranta Nera. Il Salento incontra l’Africa

Un magnifico spettacolo viene offerto alle Officine Cantelmo di Lecce, venerdì 28 ottobre 2011 a partire dalle ore 21.30:  è la “Taranta Nera. Il Salento incontra l’Africa” a cura di Marsab Music Management prodotto in Puglia con il sostegno del progetto Puglia Sounds.
Si tratta di un incontro estremamente coinvolgente in cui la pizzica tarantata incontra i ritmi africani: ancora una volta l’esperienza della musica che unisce, che oltrepassa i confini, una musica che allevia tristi ricordi e nostalgie.

Il gruppo salentino Officina Zoè si esibirà sul palco mettendo insieme suoni tipici  salentini in cui sarà possibile meditare ascoltando, rapiti dal contesto, in rispettosa e silente contemplazione. Con la musica degli Officina Zoè che riconcilia e dona un breve break, sarà possibile rilassarsi e godere nel contempo di una serata indimenticabile.
Il gruppo è composto da Cinzia Marzo, voce, flauti, tamburello; Donatello Pisanello, organetto diatonico, chitarra, mandola; Lamberto Probo, tamburello, tamborra, percussioni salentine varie; Silvia Gallone, tamburello, tamborra, voce; Giorgio Doveri, violino, mandola; Luigi Panico, chitarra, mandola, armonica a bocca suonata con grande stile.

Con gli Officina Zoè si esibiranno vari artisti, tra i quali Baba Sissoko, originario del Mali, discendente da una grande famiglia di Griots, popoli nomadi: i suoi suoni creeranno una sensazione di salda connessione con la terra.
Si esibirà anche Mamani Keita, cantante maliana che vive e lavora a Parigi, esibendosi con i principali artisti africani: le sue meravigliose melodie vivaci e gioiose, si alterneranno a momenti magici e silenziosi, creando un’atmosfera vibrante e positiva.
Infine si esibirà Sourakhata Dioubate, musicista di origine guineana e strumentista di grande abilità, con suoni caratterizzati da una piacevolissima fusione di ritmi esotici, musiche affascinanti e dolci melodie.

Questo momento coinvolgente della musica salentina accompagnata dai ritmi caldi degli strumenti afro accordati da mani diverse, sarà un evento estremamente sentito che darà vita a suoni vibranti. Darà l’idea di una musica accogliente che travolgerà molti dei partecipanti in passi impetuosi. Due luoghi del mondo completamente opposti, che si fondono nella stessa musica fatta di  voci e  percussioni, per stimolare creatività ed ispirazione, rispetto per sé e per gli altri.

Dopo la prima delle Officine Cantelmo lo spettacolo sarà replicato sabato 29 ottobre all’Auditorium Flog di Firenze (Festival Musica dei Popoli) e lunedì 31 ottobre al Teatro Giacosa di Aosta.
Euro 6 all’ingresso.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *