Taviano venera San Martino di Tours

dal 10-11-2013 al 12-11-2013, #Salento #festa

Anche per questo mese di novembre si vuole contagiare l’autunno salentino con la tradizione dei Santi Patroni del Salento, mescolandola ai suoni dei tamburelli ed alle sonorità delle culture antiche. Far riemergere ed esprimere la forza, il racconto, la poesia della festa di paese e del suo immaginario e allo stesso tempo ospitare nuove realtà musicali che la reinterpretano in chiave contemporanea, è una delle missioni di questa festa patronale in onore di San Martino di Tours, a Taviano, in Salento.

Taviano venera San Martino di Tours

La festa in onore di San Martino di Tour rappresenta l’adempimento ad antichi voti, l’espressione popolare della devozione religiosa, il fascino ancestrale del rito che si perde nella notte dei tempi, nascosto dietro lunghe processioni a cui partecipa l’intera cittadinanza, che partono dalla Chiesa di San Martino. All’interno, fiori e preghiere in questi giorni, vengono deposti dai fedeli nella navata centrale, dove si possono ammirare dipinti del maestro Francesco Palma, raffiguranti alcuni momenti della vita di San Martino.
Tutti conoscono infatti il suo mantello diviso in due e donato ad un povero, la poesia di Giovanni Pascoli, i proverbi del giorno in cui ogni mosto diventa vino, le tradizioni sia sul santo che sull’11 di novembre.

L’uomo che nel 371 venne eletto vescovo di Tours, per vent’anni operò per l’evangelizzazione delle campagne, abbattendo idoli pagani e sostenendo i poveri contro l’esasperato fiscalismo dell’Impero. Oggi viene ricordato a Taviano oltre che con processioni religiose, anche con sante messe dedicate, a cui partecipano numerosi devoti: per il suo atto di carità è patrono dei medicanti; per il mantello dei sarti; per la cinghia alla quale era appesa la sua spada, dei conciatori di pelli dei lavoratori del cuoio; una volta trasformò l’acqua in vino, ed è patrono degli osti, dei fabbricanti di brocche, dei bevitori e degli ubriachi; è patrono dei viticultori e dei vendemmiatori e dei sommelier, perché in occasione della sua festa si beve il vino nuovo.
Grazie ad una grande sinergia di persone e professionalità, la festa di San Martino a Taviano è riuscita a ritagliarsi un posto di riguardo nel vasto panorama di feste patronali del territorio salentino.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *