Teatro a Lecce, Senso, con Monica Guerritore

Monica Guerritore al suo nuovo impegno di attrice carnale e libera da vincoli, debutterà il 26 Ottobre 2012 al teatro Politeama Greco, di Lecce. Artista che ha ricevuto sempre importanti riconoscimenti nazionali e  internazionali, la Guerritore inaugurerà la stagione teatrale salentina, forte dei suoi tanti premi, assegnatigli per la sua forte personalità artistica e per la passionalità delle interpretazioni teatrali e cinematografiche.
Si inaugura così la stagione teatrale leccese,  un appuntamento che per gli appassionati scandisce il vero inizio dell’autunno: l’inaugurazione del Politeama vedrà in sala anche una ricca presenza istituzionale.

“Senso”, con musiche di Grieg, Puccini, Wagner, Granados, Strauss, Godowsky, Scrjabin, Albéniz, Chopin, Schumann e Liszt, è considerato il più bel racconto dell’Ottocento italiano. Scritto da Camillo Boito, è compreso nella raccolta dal titolo “Senso, nuove storielle vane”, edita nel 1883, ed è senza dubbio quello che ha avuto maggior fortuna, grazie anche alla splendida trasposizione cinematografica che ne fece Visconti nel 1954.
Parla di una donna, la contessa veneziana Livia, che si confessa senza mezzi termini: le parole, gli incontri, i libri, le esperienze che le hanno indicato, sussurrando, la via del cambiamento, sono tutte sul palcoscenico. Gustando lo splendido spettacolo offerto, ognuno potrà trovare, anche se in piccoli momenti, a volte bui a volte di grande coraggio, la forza che la donna ha trovato.
Con un autocompiacimento cinico e crudele, sul palcoscenico salentino la Guerritore racconterà di una passione amorosa romantica e maledetta, con un piglio mozzafiato; è sicuramente la manifestazione più moderna della femminilità che la narrativa italiana di quel tempo abbia prodotto.

La vicenda sul palcoscenico leccese, con progetto e drammaturgia di Giacomo Bottino, verrà narrata attraverso il “diario” della protagonista, la quale, a distanza di quasi vent’anni, decide di raccontare a sé stessa, in una sorta di autoanalisi, la sua relazione con il bellissimo tenente austriaco Remigio Ruz. Andando nei dettagli della rappresentazione teatrale, Livia, all’età di ventidue anni, all’apice della sua bellezza, incontra il giovane ufficiale e se ne innamora perdutamente; la passione la spinge prima all’adulterio, poi alla disperazione, infine all’umiliazione, quando si rende conto che Remigio mirava soltanto a ottenere da lei il denaro per poter disertare. Tradita e oltraggiata, Livia denuncerà il tenente alle autorità militari austriache, che lo condanneranno a morte.

Numerosi sono i lavori teatrali a cui la Guerritore ha già partecipato: nel 2006 una suggestiva “Giovanna D’Arco”  scritto e diretto dall’attrice stessa, da Spaziani, da Giordano Bruno. Nel 2005 uno splendido “Teresa d’Avila” trionfò al Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni. Nel 2003 l’opera di Dumas  “La signora delle Camelie”, da lei interpretata, ebbe un enorme successo, come anche la “Carmen” del 2002.
In questa nuova rappresentazione teatrale, che vede Antonio Ballista al pianoforte e che gli spettatori del Politeama potranno ammirare, il Risorgimento sta solo sullo sfondo. In primo piano infatti non vi sono gli ideali politici dell’epoca, ma i sentimenti divoranti e fatali di un’anima sconvolta dall’inquietudine. Tuttavia, il personaggio che ne vien fuori non è quello di una donna perfida, ma di una donna sedotta e abbandonata: fin dall’inizio, sul palcoscenico leccese si coglierà in lei una certa inquietudine. La protagonista infatti sente i ricordi delle esperienze passate come una piaga non ancora rimarginatasi che la lacera interiormente. È questa scia di irrisolto che la spinge a raccontare quella storia lontana, per la prima volta senza reticenze, poiché ha come destinataria soltanto sé stessa.
Ambivalenti sono i sentimenti che prova la protagonista per quello che le è accaduto: dolore e insieme acre voluttà, e gli stessi sentimenti la Guerritore farà provare al pubblico che correrà ad applaudirla a Lecce.

Per info:
Biglietteria del Teatro Politeama Greco,
via XXV Luglio, Lecce
(Tel. 0832-24.146.8)

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *