Teatro a Taranto, Il Servitore di due padroni

dal 22-1-2014 al 23-1-2014 #teatro #taranto #puglia

Il Teatro Orfeo di Taranto comincia la stagione 2013-2014 con un doppio appuntamento, presentando la famosissima commedia di Goldoni, “Il servitore di due padroni” che nacque originariamente come scenario per un famoso Arlecchino veneziano, Antonio Sacchi: nel 1745, Goldoni si trovava a Pisa immerso nelle pratiche dell’avvocatura e ricevette da Sacchi la proposta di rielaborare un canovaccio francese dal titolo “Arlequin valet de deux maîtres” . La commedia venne dunque riscritta e arricchita.

Teatro a Taranto, Il Servitore di due padroni

Il Teatro Orfeo riparte da Goldoni nel 2014, perché questo Servitore è una totale rivelazione che vuole prendere forza dalla tradizione per lanciarsi in avanti, nel tempo che deve venire, anche come un buon augurio per l’anno appena cominciato.
Goldoni rappresenta il teatro scritto, l’origine della commedia; e Arlecchino è il caposaldo che non si può non incontrare nel proprio cammino teatrale. Il pubblico di Taranto troverà in questa commedia un teatro vivo, grazie al costante dialogo con il proprio presente, sotto forma di critica dialettica; ma al contempo troverà i classici personaggi veneziani con gli impulsi delle loro maschere originali assieme ad alcuni tratti “provinciali” che tanto caratterizzano tutti gli italiani, dal Nord al Sud.

Nella rappresentazione all’Orfeo, tutti i personaggi parlano la lingua italiana d’oggi, tranne Pantalone; la menzogna è il tema che appartiene a questo classico del teatro goldoniano, e Arlecchino sarà insieme tutte le menzogne degli altri personaggi. La falsità, la disonestà, i falsi sentimenti, la frode, saranno i protagonisti delle due serate tarantine, insieme al sorriso beffardo delle maschere.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *