Teatro, Così è se vi pare

Garbato, malizioso ed elegante, il “Così è se vi pare”  per la regia di Michele Placido in scena al Teatro Curci di Barletta è uno spettacolo che, senza pretendere di essere un capolavoro, regala agli spettatori serate divertenti ed inusuali. E, soprattutto, non tradisce Pirandello. E’ un pregio non da poco visto che l’autore di questa grande commedia umana è stato più volte bistrattato, travisato e preso a pretesto per visioni della vita che non gli appartengono da scrittori e registi.
Placido supera con destrezza due azzardi non da poco: l’aggiornamento della lingua e la sostituzione della cornice originale. Subito ci si potrebbe chidere che cosa sarà mai questa rappresentazione senza il colore di quelle parole, popolane e letterarie al tempo stesso; e come si potranno capire le beffe, gli inganni, gli intrighi.
Solo la maestria di Placido sapà guidare gli spettatori dentro a questa storia che ruota intorno alla “verità”, invano cercata dai personaggi, invano affermata e contraddetta in un intrecciarsi di ipotesi senza sbocco, così da condurre naturalmente coloro che assisteranno seduti davanti al palcoscenico,  a considerarne la relatività.

Sul palco verrà affrontato il tema della verità. La verità in questo caso è una bella donna, la Signora Ponza, grande protagonista al Teatro Curci, che ha il volto coperto da un fitto velo nero.
Tutta la rappresentazione si svolge tumultuosa in un unico sfondo, con i bellissimi costumi di Sabrina Chiocchio, e le splendide scene di Carmelo Giannello: si entra idealmente nella casa del consigliere Agazzi; qui si deve mettere fine ad un mistero, nato dalla frivola curiosità di alcuni, che riguarda persone strane e la loro vita: la Signora Frola, e il Signore e la Signora Ponza.

 

Mentre molti pensano che alla signora Frola sia impedito di vedere la figlia perché il Signor Ponza non vuole, Dina e Amelia, due vicine, li assalgono con domande; il signor Ponza  e la signora Frola si accusano a vicenda di essere pazzi. E’ da questo momento che il pubblico del teatro Curci si dividerà: alcuni penseranno che ha ragione la Signora Frola, altri penseranno che ha ragione il Signor Ponza.
Abilmente, i bravissimi Giuliana Lojodice, Pino Micol e Luciano Virgilio, lasceranno tutti col fiato sospeso.
Per scoprire la verità, dapprima si pensa di far incontrare i due protagonisti. Ma la Signora Frola dice a tutti che dà ragione al Signor Ponza, ma solo in apparenza. Allora si decide di chiedere spiegazioni alla Signora Ponza, la quale concluderà dicendo “Io sono colei che mi si crede”.

E’ in sostanza una satira filosofica, sapientemente concepita che, in modo leggero e divertito, gioca sul malsano desiderio di conoscere i fatti altrui, abilmente portata in scena al Taatro Curci.

Per info:
Teatro Curci
C.so Vittorio Emanuele, 71
Barletta

Recapiti:
tel. 0883-332456 / 0883-332522

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *