V edizione della Fiera della Madonna della Coltura a Parabita

V edizione della Fiera della Madonna della Coltura a Parabita, dal 31-5-2013 al 2-6-2013, parabita

V edizione della Fiera della Madonna della Coltura a ParabitaIl Salento è un intreccio fittissimo di arte, che racconta storie particolarissime, da assaporare lentamente, da svelare poco a poco per coglierne i riflessi più magici. A Parabita in modo particolare si avverte l’incrocio di culture: qui nel corso dei secoli, si sono avvicendati vari popoli e questi incroci hanno dato vita a perle d’arte e tradizioni tutte da scoprire. A Parabita dal 31 Maggio al 2 giugno del 2013 si tiene la famosa Fiera della Madonna della Coltura: in Piazza Cesare Terranova, stand e bancarelle terranno compagnia ai visitatori per ben tre giorni.

Parabita è un compendio incredibile di eleganti architetture barocche e di locali per i giovani, con un mare così vicino che sembra quasi entrare nella città. Un mare che l’ha resa cosmopolita: sono visibili i segni del culto cattolico, evangelico, greco. Nei giorni 31 Maggio, 1 e 2 Giugno in Piazza Terranova, si terranno anche vari eventi collaterali tra cui gare podistiche, fuochi rionali, gare di palloni aereostatici, spettacoli pirotecnici.

All’interno dell’area fieristica sarà allestita la mostra-mercato dell’artigianato locale a cura dell’Associazione Artigiani di Parabita: dalla tessitura, alla lavorazione della ceramica, della pietra, del ferro e del legno, che trova nell’evento di Parabita una delle vetrine più prestigiose, i visitatori potranno ammirare tante novità.
Gli artigiani a Parabita custodiscono sapienze tramandate di generazione in generazione per dar vita a preziosi manufatti.
Tra i prodotti artigianali di maggior pregio si troveranno i fischetti: il fischietto un tempo era costruito solo da abili artigiani detti “li cotimari” che riproducevano in terra cotta figure della vita quotidiana. I più comuni fischietti riproducevano gli animali da cortile tra i quali spiccava il galletto. Una figura particolare di fischietto era il carabiniere a cavallo, parodia dell’autorità e del potere costituito.
Un altro strumento particolare in terra cotta che si potrà trovare alla Fiera di Parabita, e che rappresenta in qualche modo l’intero Salento è la campanella, che si troverà in tutte le dimensioni, forme e colori.
Restando nell’ambito del campo ludico, immancabile sulle bancarelle di Parabita sarà la trottola detta “Curuddhu” o Curulu, fatta in legno d’ulivo, un giocattolo a forma di cono alla cui estremità inferiore c’è una punta di ferro. Per fare girare la trottola occorre una funicella che viene avvolta intorno al giocattolo dalla punta.

Non mancheranno, alla Fiera della Madonna della Coltura, gli stand con le specialità gastronomiche del Salento, come i famosissimi pizzi, preparati da un’impasto dolce piuttosto molliccio e appiccicoso, che dopo la lievitazione viene trasformato in delle palline che vanno infornate per circa venti minuti.
Non mancherà neanche il pasticciotto, tipico dolce dalle origini galatinesi: fu proprio a Galatina infatti che nel 1745, si provò per la prima volta questo gustosissimo dolce che incontrò subito il consenso del pubblico.
Tra i primi piatti, non mancheranno le specialità tipiche di Parabita, come i
“Maccaruni e cardoncelli” in cui la salsiccia rosolata con vino bianco o rosato, aggiunta ai funghi tagliati grossolani, viene aggiunta alla pasta insieme a unabella manciata di rucola fresca e cacioricotta.

A tutto questo va aggiunto lo spettacolare evento religioso in onore della Madonna della Coltura: la processione col Simulacro si concluderà in Parrocchia S. G. Battista, dove il Simulacro sosterà sino al lunedì mattina, e sarà seguita dai tradizionali Concerti Bandistici.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *