XI edizione Agorà Design a Martano

XI edizione Agorà Design a Martano, da 1-12-2012 a 9-12-2012, Martano (Lecce)

L’artigianato vanta un’antichissima tradizione in Puglia, terra fortunata per posizione geografica e per vicende storiche. Nelle sue forme di artigianato si trovano molte realtà ben diverse e distinte fra loro, pieni di inventiva, vari e ricchi di storia.
In uno di questi modelli si trova l’artigianato che va a soddisfare bisogni quotidiani del proprio tempo e articolato in varie forme.
Il Salento è una regione ricca di materiali poveri: ferro e rame e non oro o argento; olivo e non ebano o ciliegio; pietra leccese e carparo e non marmo; giunco e non vimini; terracotta e non porcellana; vetro e non cristallo; cotone e lino e non seta o broccato.
L’artigianato salentino dunque è un artigianato ricco di vitalità e di fantasia, un’arte che è nata per gli oggetti di uso quotidiano che oggi si va orientando verso il design e verso la piccola oggettistica.

Dall’1 al 9 dicembre 2012, presso il Castello Baronale Aragonese di Martano (Le), avrà luogo “Agorà Design”, una manifestazione che rappresenta un’interessante occasione per stimolare il processo d’incontro  tra la tradizione dell’artigianato e le nuove tendenze di design.
In passato in Salento erano gli stessi regnanti a dare testimonianza artigianale di qualità particolarmente pregiata all’artigianato pugliese. Molte forme artigianali sono rimaste inalterate, una è quella delle porcellane salentine: è in assoluto una delle forme artistiche che più eccellono nell’arte; in particolare il titolo di capitale della ceramica spetta a Grottaglie; questa forma d’arte nel tempo è riuscita a svilupparsi anche nei centri cittadini limitrofi, e nell’intero Salento.
Lungo le coste, del litorale salentino fin dall’antichità si pescava il corallo; il corallo rosso è l’unica specie del genere Corallium che vive nel Mediterraneo, dalla Grecia e dalla Tunisia fino allo Stretto di Gibilterra, Puglia, Corsica, Sardegna, Sicilia e Baleari incluse.
L’arte della tessitura è nata nel 1789 per volere di Ferdinando IV di Borbone; i suoi prodotti come seta pregiata, velluto, broccati e stoffe damascate, sono molto antichi ed all’inizio erano destinati solo ai sovrani borbonici e nobili napoletani. La storia della tessitura su telai di tappeti ed arazzi salentini, in particolare, ha come epicentro Casamassella, un paesino di mille abitanti vicinissimo ad Otranto. Nel castello dei Marchesi De Viti De Marco, la giovane donna Carolina decide di trasformare l’arte del ricamo diffusamente conosciuta in tutto il salento, in un’arte assolutamente esclusiva al fine di poter esportare i prodotti di questa produzione.
In Salento rimane ancora inalterata un’arte fatta di passione e inventiva, quella dell’intarsio, arte che viene tramandata dagli antenati. Il fabbro in Puglia ha svolto per secoli il ruolo di artigiano a cui si assegnava la fabbricazione degli attrezzi e degli strumenti usati in agricoltura; l’utilizzo del ferro battuto per irrobustire e abbellire i palazzi e le chiese è sorto solo in un secondo tempo, ed è da questo nuovo utilizzo che l’attuale tradizione del ferro battuto pugliese trae origine: nel foggiano si impongono Mattinata e Cerignola, dove vengono prodotti oggetti soprattutto di uso domestico e soprammobili; nel barese, invece, Gravina in Puglia si è specializzata nella creazione di oggetti artistici e piccole statue; nel Salento, infine, dove l’attività degli artigiani, dediti soprattutto alla creazione di candelieri anche molto elaborati, di lampioni e grate è stata influenzata dalla tradizione artistica del barocco.
Ci sono poi molte altre testimonianze artigianali di notevole importanza che non seguono un mercato di vendita dettato dalle sue richieste di domanda e una di queste è la lavorazione della paglia.

Al Castello Aragonese ci saranno ben trenta espisitori e l’obiettivo è quello di valorizzare l’identità salentina, a cominciare proprio dalle bellezze artistiche come il Castello stesso: nella seconda metà del ‘600, venne trasformato in palazzo baronale sostituendo la vecchia facciata con l’attuale, e inserendo il bel portale con l’originale motivo delle bugne inclinate. E in un tal pregevole contesto avrà luogo la manifestazione organizzata da CNA di Lecce, con il patrocinio di Camera di Commercio di Lecce, Comune di Martano, Ordine degli Architetti PPC di Lecce.

Per il terzo anno consecutivo sono previsti due premi. Il primo sarà riservato a tre selezionati ai quali verrà assegnato uno spazio gratuito presso il Salone Internazionale del Mobile di Milano (aprile 2013). Saranno scelti tra tutti coloro che avranno presentato accessori unici ed originali che servono ad abbellire l’arredamento presente in una stanza o in un ambiente e potranno essere accessori da tavola, lampade vistose, illuminazioni particolari e tanto altro ancora.
Il secondo premio è “Garden 2012”, un concorso di idee riservato a proposte per la progettazione di prodotti inediti e originali riguardanti arredi da giardino, coperture per esterni, gazebo, rivestimenti, complementi, arredo urbano. I vincitori del concorso di idee si aggiudicheranno un premio in denaro.

Per info:
Castello Baronale Aragonese
Martano (Lecce)
Partecipazione gratuita
Feriali dalle 16 alle 20
Festivi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 20.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *