XV edizione della Fiera delle campanelle a Lecce

XV edizione della Fiera delle campanelle a Lecce dal 30-5-2013 al 2-6-2013, Lecce

XV edizione della Fiera delle campanelle a LecceTra i segni più eloquenti per individuare i sacri edifici ci sono le campane e i campanili, molto numerosi e in arte barocca a Lecce, e così caratteristici da disegnare il paesaggio architettonico della città salentina.
Anche nel 2013, una nuova edizione della famosa Fiera delle Campanelle, manifestazione legata al tema delle campane, si svolgerà a Lecce, presso l’ex convento dei Teatini.
Organizzata dall’Academia Lupiaensis, la Fiera intende ricordare un’antico mercato che si teneva fin dal XVI secolo nel mese di maggio a Lecce, in cui venivano esposti prodotti artigianali e tra essi spiccavano simpatiche campanelle destinate ai bambini.

Artisti e artigiani esporranno come ogni anno manufatti in terracotta, nei quali il simbolo della campana viene interpretato in varie forme secondo il gusto e la creatività di ciascuno. La caratteristica città di Lecce, nel cuore del Salento, possiede varie fonderie sopravvissute alle dinastie dei laboriosi campanari: a Squinzano per esempio la fusione delle campane è un’arte antica, frutto del retaggio di antichi fonditori pugliesi; dall’anno mille si tramanda di padre in figlio la tradizione della fusione delle campane. Per realizzare una campana in Salento ancora oggi si usano le stesse tecniche dei maestri del medioevo e del rinascimento per questa arte non facile in equilibrio tra spessore, peso, diametro, altezza.

Il suono della campanella è infatti un segno linguistico il cui significato va ben oltre il riscontro fisico: i rintocchi delle campane ritmano l’ininterrotto cammino di fede, si tratta di significanti il cui significato interessa l’intera collettività; le campanelle mettono allegria.

Dal XVI secolo, le fonti locali riportano notizie certe sulla presenza dell’arte campanaria a Lecce. I maestri fonditori leccesi avevano le loro botteghe in un isola di case, detta appunto “isola dei ferrari”. E’ qui che ancora oggi si costruiscono le campanelle, e oggetti che hanno come disegno principale una campana: attraverso le campane si può raccontare la storia più intima e più grande di ogni insediamento, perchè parlano un linguaggio comune, totale, poiché tutti possono comprendere il messaggio del loro suono.

Affiancata all’oggettistica delle campane, ovviamente si troveranno tanti manufatti dell’artigianato locale dalla tessitura, alla lavorazione della ceramica, della pietra, del ferro e del legno, che trovano  in questa festa una delle vetrine più prestigiose. Gli artigiani a Lecce custodiscono sapienze tramandate di generazione in generazione, per dar vita a preziosi manufatti.

Non mancheranno specialità culinarie del Salento, a base di erbe spontanee usate per insaporire primi e frittate, sciroppi e marmellate ai frutti. Fino a particolarità come le orecchiette alle cime di rapa. Sono solo alcune delle specialità enogastronomiche del Salento e dell’intera Puglia, che sfruttano i doni della terra e antiche saggezze.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *