Calamari ripieni

<!– /* Font Definitions */ @font-face {font-family:”Cambria Math”; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:1; mso-generic-font-family:roman; mso-font-format:other; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:0 0 0 0 0 0;} /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:””; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”,”serif”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} .MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-size:10.0pt; mso-ansi-font-size:10.0pt; mso-bidi-font-size:10.0pt;} @page Section1 {size:595.3pt 841.9pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:35.4pt; mso-footer-margin:35.4pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} –>

CALAMARO

Deve il suo nome a causa della sua vescica gonfia di liquido nero “calamaio”; noto in alcune regioni come totano. Ci sono però delle importanti differenze tra l’uno e l’altro sia morfologiche che alimentari.

Il calamaro bianco-rosato, è più corto e meno pesante del totano ma più tenero e delicato. Il calamero è commestibile anche se di grosse taglie , mentre il totano ha carni dure e sciabe in particolare se di taglie molto grandi.

CALAMARI RIPIENI

Ingredienti per 4 persone: calamari n°8 – carote g 200- spinaci g 500 – pecorino g 100 – olio extravergine g 50- pane grattugiato g 50 – vino bianco g 100- aglio n°1 spicchio tuorlo n°1 – sale e pepe.

Procedimento:Cuocere gli spinaci, scolarli e strizzarli; saltarli con un filo di olio e uno spicchio d’aglio, aggiungere le carote precedentemente pulite, lavate e lessate. Tritare il tutto e aggiungere il pecorino, il pane grattugiato, il tuorlo , salate e pepate. Dopo aver pulito e lavati i calamari , farcirli con il composto precedente e chiudere con uno stuzzicadenti. Preparare un fondo di olio di oliva con aglio, far rosolare i , bagnare con vino bianco, lasciare sfumare, aggiungere un po’ di brodo di pesce e lasciare cuocere per alcuni minuti. Servire con un po’ del suo fondo legato con fecola.

Chef: Gabrielle Ferro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *