Fasano

Fasano è il tipico esempio di cittadina che si sviluppa nell’interno, quando, con la caduta dell’Impero Romano le coste cominciano ad essere molto pericolose per le continue incursioni dei saraceni e di altri popoli che dal mare approdano sulle coste pugliesi per saccheggiare e spadroneggiare.

In origine un semplice casale, ovvero una grossa fattoria fortificata Fasano si sviluppa nel corso del medio evo, accogliendo tra le sue mura gli abitanti di Egnatia, in fuga dalla loro città distrutta dai barbari, Goti o Vandali. Amministrativamente si trova nella provincia di Brindisi, ed è il punto di confine tra il Salento e la Terra di Bari.

E’ una cittadina di circa 40.000 abitanti dove il visitatore ed il turista possono trovare tantissime cose da fare e da vedere, dal suggestivo centro storico labirintico dedalo di viuzze su cui si affacciano case modeste e palazzi maestosi imbiancati a calce, alle numerose chiese, soprattutto tardo rinascimentali e barocche, dai dintorni ricchi di attrattive sia monumentali archeologiche e naturalistiche al litorale poco distante, fatto di scogliere e lunghe spiagge, per tutti i gusti. Fasano è anche famosa per ospitare lo Zoosafari, un enorme zoo a cielo aperto in cui i visitatori possono avventurarsi a bordo della propria automobile per ammirare gli animali in libertà.

Una vacanza in Puglia potrebbe partire proprio da Fasano, come base, grazie anche alla presenza di numerose strutture per l’accoglienza sia dentro che fuori dalla città.

Partendo da Via S. Francesco, una delle porte della antica città si possono vedere i resti delle mura che cingevano l’abitato, da lì ci si inoltra nel centro storico vero e proprio, toccando alcuni degli scorci più interessanti, la Chiesa Matrice, imponente chiesa tardo rinascimentale, al cui interno sono conservate preziose tele e sculture in legno. Sempre nel centro storico interessante è l’Arco del Cavaliere da dove si accede al cortile di Palazzo del Balì, antica residenza dei Cavalieri di Malta che avevano in Fasano un loro feudo. All’altro ingresso della città, in Via del Balì si può ammirare una lapide che ricorda la resistenza e la vittoria dei cittadini contro i turchi nel 1678. A tale episodio è anche legata la storia della protettrice della città, la Madonna del Pozzo, che apparve ai fasanesi in cielo il giorno della battaglia. Ancora oggi si celebra l’evento con La Scamiciata, un corteo storico che percorre le vie del centro cittadino, e culmina con la simbolica consegne della chiavi della città alla Madonna da parte del sindaco. Da ammirare moltissime chiese, la barocca Chiesa del Purgatorio, la Chiesa delle Anime Purganti, al cui interno è conservata la statua dell’Addolorata, venerata dagli abitanti di Fasano e portata in processione la sera del Venerdì Santo. Anche la Chiesa di San Francesco di Assisi merita una visita per le interessanti statue in cartapesta in essa conservate.

Il Torrione delle Fogge, è l’ultima torre rimasta del sistema di fortificazioni erette a difesa della città durante il medio evo.

I dintorni di Fasano sono una festa per i turisti in cerca di luoghi suggestivi da visitare, il già citato Zoosafari, l’antico Dolmen di Montalbano, interessante testimonianza dell’Età del Bronzo, luogo pagano antico di culto o di sepoltura ed un curioso minareto nella Selva di Fasano, area verde a pochi chilometri dalla città suggestiva per i panorami che offre all’improvviso percorrendo i viali alberati.

Da Fasano raggiungere il mare significa recarsi a Savelletri, dove l’alternanza di spiagge e scogliere soddisfa tutte le esigenze, chi ama le immersioni, chi cerca un luogo sicuro e piacevole per i propri bimbi, chi ama tuffarsi dalle scogliere ripide e chi vuole pigramente stendersi sul bagnasciuga. Torre Canne è una località balneare famosa per le sue bianchissime spiagge e per i famosi stabilimenti termali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *