Formaggi e salumi di Puglia

La Puglia vanta una tradizione millenaria per quel che riguarda i prodotti dell’allevamento. Formaggi e salumi pugliesi hanno da tempo conquistato un posto di riguardo sulle tavole di tutta Italia, ed alcuni di essi sono conosciuti ed apprezzati a livello internazionale.

nonna-maria

dalla tradizione contadina salumi e formaggi dal gusto sopraffino

Tra i formaggi ricordiamo la burrata, che si ottiene lavorando il latte di mucca e che assume la bellissima forma tondeggiante e bianca al cui interno è racchiusa una festa di crema e stracciatella, dal gusto decisamente dolce e soave. Il caciocavallo ha una bella forma ovale ed allungata che in cima si stringe per poterlo facilmente legare. Sembra che il suo nome derivi dall’usanza di apenderlo a stagionare a cavallo di un bastone posto in orizzontale. E’ ottimo sia mangiato fresco, e la pasta interna ha un colore bianco panna sia stagionato, ed allora il gusto diventa leggermente più piccante e la pasta si ingiallisce. Può stagionare fino a tre anni. Il cacioricotta, che si consuma o a fette o, stagionato e quindi dal gusto più piccante e salato grattugiato sulla pasta e sui sughi. Tra i pecorini, quello brindisino di latte di mucca, quello foggiano di capra e quello leccese che è un misto di latte di capra e di pecora. Quest’ultimo in fase di stagionatura viene più volte rivoltato e cosparso di olio ed aceto. Tutti hanno un gusto dolce nella prima stagionatura che poi tende a diventare più intenso, salato e leggermente piccante. La scamorza ha anch’essa una forma tipica, a sfera e con collo e testa, pronta per essere appesa a stagionare. Dal gusto morbido ne esiste una versione affumicata ancora più saporita.

Tra i salumi ricordiamo il capicollo, nella sua versione martinese lasciato ad affumicare al fuoco di quercia, la muschisca, fatta di strisce di pancetta lunghe e sottili messe ad essiccare al sole dopo essere state condite con peperoncino e finocchio, la cervellata realizzata con un impasto di carni di bovino oppure di ovino e caprino, macinata più volte ed insaccata per poi essere consumata una volta cotta. Da Gravina di Puglia proviene la salsiccia secca di maiale tagliata a punta di coltello, una lavorazione lunga e laboriosa, la pasta di salame viene poi miscelata a mano con le spezie, finocchio soprattutto e poi tanto peperoncino. Viene infine insaccata in budello di montone e divisa in tranci con uno spago. Deve riposare per almeno dodici ore e viene punzecchiata con uno spillone pr farne uscire acqua ed aria. Lasciata a seccare almeno 30 giorni è gustosissima.

Altri salumi sono la salsiccia pugliese, con i semi di finocchio, quella di Lecce, e quella di Ginosa tagliata a punta di coltello. La soppressata dell’Appennino Dauno è fatta di puro suino e riccamente speziata di peperoncino. Deve la sua forma appiattita al processo di lavorazione fatto al termine dell’insaccatura, quando le forme vengono poste sotto delle assi di legno per comprimerle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *