Gallipoli, la perla dello Jonio

Arrivando nella Grecia Salentina ci fermiamo a Gallipoli, una delle città più belle del Salento. a La bellezza di questi luoghi l’hanno resa famosa a livello mondiale tanto da divenire musa incontrastata per scrittori, poeti e cantori.

Grazie alle sue numerose strutture ricettive, i tanti Alberghi, gli Hotel ed i Bed and Breakfast, oggi Gallipoli è una delle città più frequentate del Salento. La sua sabbia dorata, i suo mare cristallino, il lungo mare, le meraviglie naturali che la circondano, fanno di Kalè Polis, della città bella, meta ambita di vacanze.

Situata sul lato occidentale del Salento, Gallipoli si affaccia sul mare Ionio e si divide a metà con il suo passato. Le sue case bianche che si stagliano contro il cielo ricordano il suo passato greco, visibilissimo nell’antica città vecchia, che si racconta tra le mura di cinta e i bastioni che erano stati innalzati a difesa della città.

Se potete, affittate una barca e cercate di raggiungere la città portuale via mare. Navigando pian piano verso il suo porto avvertirete in maniera molto forte lo spirito che ha legato questa città nei secoli. Nella sua aria si respirano le guerre intestine che sono state affrontate su queste acque, le speranze e i dolori dei più recenti pescatori e delle loro mogli, in attesa sulla terra ferma, e delle mille preghiere di protezione affidate alle mura della Chiesa del Canneto da parte di coloro che restavano ad aspettare e di coloro che partivano per un destino ignaro, in attesa di tornare a casa.

La città vecchia e la città nuova (detta Il Borgo) sono unite da un ponte, come a voler sugellare questo simbolo d’unione fra due ere non tanto lontane ma che si uniscono a formare un solo corpo. Qui il barocco fa da padrone ma se a Lecce regna sovrana la bianca e morbida pietra leccese, qui prevale il carparo brunato che non ha nulla a che invidiare all’antica pietra salentina.

Tra i monumenti più importanti della città gallipolina ricordiamo il Castello Angioino, la Chiesa del Sacro Cuore e la Cattedrale di Sant’Agata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *