Il Carnevale di Putignano

Ricco di palazzi signorili e di antichi conventi, Putignano conserva per gran parte una struttura urbanistica tipicamente medioevale caratterizzata dalla maestosa Piazza Plebiscito; è da qui che hanno inizio ogni anno i festeggiamenti per il Carnevale, che si protraggono per settimane.
Il Carnevale di Putignano è il più lungo e il più antico d’Europa.

La festa carnevalesca ebbe il massimo splendore nel XVI secolo con danze, lunghe sfilate di carri allegorici e costumi sfarzosi che hanno segnato una svolta di questa festa amatissima: nacquero “le maschere” che penetrarono nella tradizione collettiva e ci accompagnano ancora oggi. Tra le feste di carnevale più importanti in Italia c’è, senza dubbio, il famoso Carnevale di Putignano, che ogni anno richiama migliaia di visitatori che arrivano da ogni parte del mondo. Uno spettacolo imperdibile, dunque, da vedere almeno una volta nella vita.

Il carnevale a Putignano comincia prestissimo:  già il 26 dicembre con il “Rito delle Propaggini”, per svariate ore di seguito, decine di poeti dialettali si alternano sul palco della piazza cittadina per declamare versi satirici in rima contro i politici, i potenti e determinate abitudini sociali. Su questa suggestiva piazza si affacciano la Chiesa Madre, il Palazzo sede nel medioevo dei Cavalieri di Malta, e il Sedile sede del governo cittadino ed attualmente occupata dalla Pro Loco, con orologio e stemma della città  sulla facciata.
Inoltre il 2 febbraio, giorno della Candelora, a Putignano va in scena un’antica consuetudine, che ha come protagonista un orso il cui legame con il Carnevale è confermato da alcune capacità magiche che la tradizione popolare gli attribuisce: secondo un antico proverbio putignanese, proprio il giorno della Candelora, l’orso ha la possibilità di prevedere l’andamento del clima.
Caratteristica è anche la feste dell’  “Estrema Unzione di Carnevale”,  alla vigilia del martedì grasso, in cui un corteo mascherato con finti paramenti sacerdotali e vestiti clericali si sposta per le vie del paese, per impartire una benedizione tutta particolare: è uno dei momenti più belli del carnevale di Putignano, uno di quelli che conservano intatto il fascino della partecipazione, della condivisione, dell’essenza povera e altruista del carnevale del passato.

Si sa che il Carnevale viene festeggiato fin dall’epoca dei faraoni, quando il popolo, mascherato, intonando inni e lodi, accompagnava una sfilata di buoi che venivano sacrificati in onore del dio Nilo; i Greci invece dedicavano il rito al dio del vino, mentre i Romani si lasciavano prendere dall’euforia per i festeggiamenti in onore del dio Bacco che si svolgevano lungo le strade della città e prevedevano l’uso di maschere.
Anche il carnevale di Putignano è molto antico, perché è ormai accertata la data del 26 dicembre 1394 come data in cui avvenne la traslazione delle spoglie di S. Stefano Protomartire da Monopoli a Putignano: il Rito delle Propaggini è nato proprio dal clima di festa che i contadini avrebbero offerto come cornice al sopraggiungere della processione.

Il ruolo di assoluto primo piano concesso al carnevale di Putignano, ha fatto sì che il costume, nei secoli, abbia portato ad un autentico processo di personificazione. Un personaggio ricorrente, oltre che nelle immagini e nella letteratura, anche nelle feste, nei Riti del repertorio più classico è la maschera di Farinella. Il fascino dei carri allegorici e delle maschere del Carnevale di Putignano è rappresentato anche dalle eccellenti rifiniture della cartapesta, una cartapesta ricca di peculiarità specifiche, realizzata con un procedimento che la “scuola putignanese” ha forgiato nel tempo ed ha custodito molto gelosamente. Farinella è la maschera ufficiale del Carnevale di Putignano e deve il proprio nome ad un cibo tipico della gastronomia locale.

La Fondazione “Carnevale di Putignano” per il 2012 bandisce un concorso per Maschere di Carattere, e le Maschere ammesse al concorso, parteciperanno alle sfilate mascherate del 5-12-19 e 21 Febbraio 2012.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *