La scamiciata di Fasano

Nel mese di giugno, una serie di eventi e manifestazioni culturali denominati nell’insieme “Giugno Fasanese”, hanno il culmine nella cosiddetta “Scamiciata”, la rievocazione storica della vittoria sui turchi del 2 giugno 1678, e si svolge sotto forma di corteo storico e pellegrinaggio da Fasano al Santuario della Vergine del Pozzo.
A livello turistico e a livello di conoscenza e cultura personale, le rievocazioni storiche in Puglia hanno una grandissima importanza, in quanto permettono di vedere e vivere spaccati di vita quotidiana e di storia vivente in modo autentico, in quanto si assiste e si interagisce allo stesso tempo, sentendosi coinvolti totalmente in ciò che si osserva o a cui si partecipa.
Fin dalla sua fondazione, più di trent’anni orsono, il Comitato Giugno Fasanese organizza questa festa curandone gli aspetti spettacolari, folkloristici e storico-rievocativi.

L’edizione 2012 de “La Scamiciata” avrà inizio con il Pellegrinaggio del Corteo Storico al Santuario di Pozzo Faceto, dove, con una suggestiva cerimonia religiosa, saranno benedetti i labari di Santo Stefano, San Giovanni e della Madonna di Pozzo Faceto, Patroni della terra di Fasano.
Tanta emozione si avvertirà durante il suggestivo Canto di Supplica, quale richiesta alla Vergine di protezione della comunità.

Il corteo della Scamiciata diventa anche occasione di studio, ricerca storica, riflessione culturale su di una intera epoca, il ‘600, decisiva per la storia dell’intera Puglia. In pratica questa rievocazione storica, con studio scientifico e ricerca filologica, cerca di riprodurre il più fedelmente possibile, attività, lavori, ambienti, luoghi, situazioni e scene di vita di un evento che segnò per sempre la vita della cittadina di Fasano.
La scamiciata infatti è da sempre il nucleo più vivo e caro alla sensibilità popolare fra tutte le manifestazioni, nel quale ormai la comunità cittadina si riconosce e celebra la propria identità collettiva, appuntamento tra i più apprezzati dai turisti che accorrono per ammirarne le fasi spettacolari e suggestive.

La rievocazione storica comincia dagli assalti e saccheggi dei turchi nelle campagne pugliesi. Per la sua vicinanza al mare, Fasano veniva sempre presa di mira e le memorie vive si conservano ancora oggi nella mente del popolo. L’avvenimento storico più memorabile, è l’assalto dei Turchi a Fasano nel 1678. I particolari di esso, registrati nella epigrafe sul muro della casa dei Bianco, sono pregevolissimi, perché, al riguardo, unici e soli.

Tra i tanti tesori artistici pugliesi ce ne sono di splendidi che nemmeno vengono nominati, menzionati e quindi conosciuti dal mondo, perchè considerati di scarsa rilevanza, ma che hanno grande valore storico culturale, come questa epigrafe. Nell‘epigrafe infatti si legge tutta la storia di Fasano: 400 Musulmani, salpando da S. Maura e Lepanto, penetrarono di notte nella cittadina di Fasano, per saccheggiarla, ma i cittadini riuscirono a farli indietreggiare, con un possente scontro avvenuto al Largo delle Fogge, una vallata fasanese,. Più che al proprio valore, i cittadini attribuirono la loro vittoria all’aiuto possente della Vergine SS. Immacolata, a S.Giovanni Battista e a Santo Stefano.
Oggi il Largo delle Fogge, è detto Orto della Patria, in memoria d’essere stata qui salvata la patria dai turchi, i cui morti si dice fossero lì sepolti.
Non si tratta dunque solo di occasione di festa e folclore, non una semplice spettacolarizzazione approssimativa; ma, attraverso documentazione approfondita, studio e riproduzione dettagliata, un’autentica riscoperta del passato e una valorizzazione e diffusione della conoscenza delle tradizioni storiche e culturali del luogo.
A ricordo del famoso assalto di Fasano, non resta che il telone del teatro sociale che rappresenta il vittorioso ritorno della spedizione; il Cavaliere di Malta, signori e popolani, trofei, prigionieri turchi legati, e un popolo festante in piazza.

Le storie, i mestieri, i prodotti ed il folclore del passato di Fasano rivivono in una mirabile girandola di scorci e di dettagli recuperati dai secoli. Un gioioso momento di riscoperta del passato, unico nel suo genere per originalità e suggestione, che per la prossima eidzione si terrà dal 15 al 17 Giugno 2012.
Oggi la festa assume il carattere di rievocazione storica della vittoria dell’epoca, e lungo il Corso Nazionale di Pezze di Greco avrà luogo lo spettacolo dei Giochi della Bandiera; l’esibizione dei “Cavalieri della Disfida” di Barletta si esibiranno in Piazza XX Settembre.
Tutto questo non viene spinto da nostalgia e fine celebrativo, ma da amore e interesse per la conoscenza e volontà di preservare le testimonianze di un tempo, di raccogliere e custodire valori importanti di vita e cultura, e di trasmetterli alle prossime generazioni, offrendo la possibilità di un confronto a livello sociale, economico e istituzionale nell’arco del tempo di un paese.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *