Mosto Cotto

MOSTO COTTO O SAPA
E’ un denso sciroppo che si ottiene facendo bollire a lungo il mosto. Viene chiamato anche vincotto erroneamente poiché non si fa bollire il vino ma bensì il mosto.


Anticamente, una volta ottenuto il cotto , si lasciava riposare per almeno 30 giorni prima di trasferirlo nei contenitori di servizio. Il mosto cotto viene utilizzato sia per dolcificare alcuni dolci tipici pugliesi, ma anche come medicinale per curare le infezioni delle vie respiratorie.
MOSTO COTTO
Ingredienti: acini di uva bianca
Procedimento: schiacciare gli acini e far scolare attraverso un setaccio il mosto in una pentola di alluminio. Iniziare la cottura a fuoco lento e schiumare di tanto in tanto la schiuma che affiora in superficie. Quando il liquido  sarà dimezzato la cottura può considerarsi ultimata. Per controllare la giusta consistenza , basta far cadere una goccia di cotto su una superficie piatta,passarvi in mezzo il dito e se il cataletto che si è formato non si chiude, si può cosi  considerare  la cottura ultimata.


Chef: Gabrielle Ferro

Un pensiero su “Mosto Cotto

  1. buongiorno, oggi ho comprato una bottiglia di mosto cotto Sapa. Chiedevo se potete darmi consigli su come utilizzarlo per impasti di pane, pizza e facacce, mi piacerebbe allargare la mia esperienza di panettiere e pasticcere, vi ringrazio e vi saluto aspettando con ansia una vostra risposta dalle colline emiliane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *