Peschici: un diadema sulla corona garganica

Se qui vi sedete su uno scoglio con lo sguardo verso il mare, vedrete il sole sorgere e tuffarsi nelle acque cristalline di questa grande distesa che volge ad est.

{IMU_468_60}

Peschici GarganoSolo su queste acque terse e profonde, di un blu cristallino, è possibile godere di uno spettacolo naturale come questo. Il suo mare, di una trasparenza quasi innaturale, è stato insignito più volte dell’ambita bandiera blu, testimonianza di bellezza marina e di ambiente incontaminato.

Arroccata su una rupe carsica del Gargano, fa parte del Parco Nazionale e della Comunità del Gargano, e sorveglia uno dei più bei scorci di mare d’Europa. Lo sperone d’Italia viene impreziosito da questa piccola perla fatta di vicoli stretti, corti, scalinate ripide e archi. Una perla bianca che si scaglia contro il blu terso del cielo e del mare e il verde del promontorio. Strade intricate, quelle di Peschici, come la sua storia. Non si sa bene quando fu fondata questa cittadina in quanto i dati risalenti alla sua creazione erano custoditi su pergamena all’interno dell’Archivio di Stato di Napoli che nel 1943, durante la Seconda Guerra Mondiale, fu distrutto da un bombardamento. Ma rimangono a testimonianza del passato le sue costruzioni e i suoi monumenti, preziosi doni del passato che la storia non ha ancora distrutto.

La costa di questa zona del Gargano è una delle più incantevoli di tutta la puglia fatta di calette e di grotte marine, di alte rocce a picco sul mare che, nel passato, proteggevano dall’accostamento di tanti nemici provenienti dall’immensa distesa blu.

{IMU_468_60}

Oggi Peschici presenta le sue bellezze naturali ancora intatte che neanche il grande incendio del 2007 è riuscito a distruggere totalmente. Gli alberghi vista mare e le tante soluzioni abitative offerte dalla cittadina pugliese offrono ai turisti la possibilità di trascorrere una vacanza tranquilla e incontaminata. A pochi chilometri da Vieste e dalle tante bellezze garganiche, Peschici è una meta obbligata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *