Processione con le statue del Venerdì Santo Muro Leccese

Processione con le statue del Venerdì Santo Muro Leccese, 29-3-2013, Muro Leccese

Collocato in mezzo al Mediterraneo orientale, il Salento vede sbarcare, nel corso dei secoli, coloni greci e cartaginesi, invasori arabi e normanni, sovrani svevi, angioini e spagnoli: tutti popolo che hanno lasciato una traccia più o meno profonda .
La zona salentina conserva tuttavia un’identità propria, un po’ distante dal resto della regione Puglia: fortissime sono le tradizioni popolari, sopratutto quelle legate alle feste religiose.
Le più sentite sono certamente quelle pasquali. Nei riti di Muro Leccese, in particolare colpiscono le spettacolari Processioni, portate da canti antichi a più voci maschili, oggi accompagnati da bande musicali il cui uso risale all’Ottocento.
Durante la Settimana Santa, al calare della sera e fino a notte tarda, diverse processioni animano il centro storico di Muro Leccese con le loro rappresentazioni del dramma doloroso di Cristo Morto.

A Muro Leccese le celebrazioni tradizionali cominciano il Giovedì Santo, giorno dedicato all’Adorazione della S.S. Eucaristia: di sera, tutte le chiese rimangono aperte per permettere ai fedeli la “visita ai Sepolcri”: gli altari vengono addobbati con eleganza barocca da composizioni vegetali di vari tipi di grano, fatto germogliare al buio per quaranta giorni, e ornati da nastri e fiocchi.
Muro Leccese, dal XVI secolo in poi, grazie a una ricca produzione religiosa scultorea e pittorica è diventata una tra le capitali del Barocco salentino: tra i più importanti monumenti realizzati si ricordano il Convento e la Chiesa dei Domenicani, la Chiesa del Crocefisso, la Chiesa dell’Annunziata, la Chiesa dell’Immacolata.
A Muro Leccese la processione del Venerdì Santo è la vera e unica grande manifestazione dedicata alla Resurrezione: si tratta di un momento molto sentito dalla popolazione, che si raduna in Piazza del Popolo per poi attraversare le strade più importanti del paese.
Piazza del Popolo è sicuramente fra le piazze più belle del Salento: appare tutta rifinita in pietra leccese, e su di essa si affacciano le splendide chiese barocche dell’Annunziata e dell ‘Immacolata, edificate la prima alla fine dei XVII secolo, e la seconda tra il 1778 ed il 1787.
Le statue in cartapesta a dimensione d’uomo, compreso il simulacro raffigurante il Cristo morto, partono da questo suggestivo contesto, e vengono portate a spalla in mezzo ai fiori e numerose candele. Seguono laici in tunica e le bande musicali.

Questa suggestiva processione con le gigantesche statue in cartapesta, parte dalla Chiesa dell’Immacolata di Muro Leccese, sede della Confraternita omonima che cura i preparativi e lo svolgimento del rito. La processione poi attraversa la chiesa Madre e la Chiesa del SS. Crocefisso.
Nella Chiesa del Convento dei Domenicani, che nel 1996 è stata oggetto di restauro per ospitare la riunione del Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura dell’Unione Europea, è conservata una statua in pietra leccese raffigurante il Cristo morto che, fino agli inizi del 900, era portata a spalla nella processione del Venerdì Santo.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *