Sagra della Frisa a Matino

dal 5-7-2015 al 6-7-2015 #sagrafrisa #sagresalento

Le sagre scandiscono da sempre la vita delle comunità salentine ed oggi più che mai, soprattutto con la rivalutazione di molte sagre minori, esse sono legate al desiderio ed alla necessità di riaffermare la propria singolare identità culturale.

Sagra della Frisa a MatinoDal 5 al 6 luglio di ogni anno, a Matino, cittadina a soli 16 Km da Gallipoli, si svolge la Sagra della Frisa, tipico prodotto locale detto anche frisella (o friseddha). Si tratta di un tipo di pane biscottato che verrà bagnato in acqua fredda e poi condito a piacimento prima di essere offerto ai visitatori.

In Salento, andare per sagre, significa immergersi in una cultura antica, alla scoperta di suoni e di armonie sconosciute, di balli ritmici, di gare poetiche fuori dal tempo, di sfrenate corse di cavalli, di sfilate a piedi, con preziosi e coloratissimi abiti d’altri tempi (i favolosi costumi salentini). Spesso le sagre, come quella di Matino, durano diversi giorni e coinvolgono tutta la comunità; molte volte, per l’occasione, vengono preparati dolci od organizzati banchetti con classiche pietanze tradizionali, a cui tutti possono partecipare.
Quella di Matino appare davvero speciale in quanto è dedicata alla frisa, una specialità antica che risale a quando i popoli salentini del passato, molto poveri, mangiavano questo prodotto fatto col grano e conservato anche per molto tempo. Oggi la frisella è un pane casereccio cotto due volte nel forno di pietra e tagliato in modo orizzontale, che viene condito appunto con le specialità salentine per essere più gustoso.
La frisa nasce dall’esigenza di conservare il pane preparato: prese vita così la vera frisa di Matino, che veniva preparata unendo al pane olio d’oliva, sale, pepe, aceto e quelle verdure che nell’orto delle massaie non mancavano mai: pomodori, basilico, cipolla.
La specialità che anche per il 2015 verrà preparata su tutti gli stand debitamente allestiti, prevede la frisa ammorbidita nell’acqua, poi strizzata leggermente e messa in una ciotola. Nel frattempo, davanti agli occhi dei visitatori, verrà affettato sottilmente un cetriolo, dei pomodori e la cipolla; verrà tagliuzzato il basilico e il tutto sarà posto sulle frise da servire, condite infine con l’olio, aceto, sale e pepe.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *