Un nuovo museo della civilta’ contadina, in Salento

7-4-2015 #civiltacontadina #museisalento

All’interno dell’Archeodromo Alos, a Caprarica di Lecce, il 7 Aprile 2015 verrà inaugurata una nuova sezione: il Museo della Civiltà Contadina.

contadina, in Salento

All’interno dell’Archeodromo, infatti, non sono solo i Messapi a ritrovare il giusto onore: è vero che troppo poco si sa ancora del popolo Messapico, i cretesi che naufragando giunsero in Salento; con una economia basata sull’allevamento e sull’agricoltura, vivevano in grotte e in case organizzate in villaggi, si basavano su un sistema sociale triangolare al cui vertice c’era un re. Si conoscono oggi i nomi di alcuni dei loro insediamenti: Basta, Hidruntum, Uria, Rudiae, Brundisium, Lupiae.Si conoscono le loro guerre contro Taranto, contro Siracusa, contro Alessandro D’Epiro. Una sezione dell’Archeodromo infatti è dedicata al grande fascino che questo popolo tutt’oggi emana.
Ma senz’ombra di dubbio, la sezione sulla Civiltà Contadina che verrà inaugurata fra pochissimo, non sarà da meno importante.

Kalos, allo scopo di raccogliere e conservare attrezzi da lavoro agricolo e domestico utilizzati tra la fine dell’800 e l’inizio del’900 in Salento, intende dar vita al Museo della civiltà contadina.
L’idea del Museo è nata grazie alle unite forze dei collaboratori dell’archeodromo, che hanno creduto in questo progetto, catalogando e raccogliendo sistematicamente tutti gli oggetti esposti. Gli strumenti e gli attrezzi, opportunamente restaurati, testimoniano la vita che si svolgeva nella zona del leccese, talvolta in condizioni economiche ed ambientali assai difficili.
Nel Museo saranno documentate anche le diverse attività artigianali del passato, in modo che il visitatore possa capire meglio tecniche e mestieri, riscoprendo in tal modo un’epoca altrimenti perduta per sempre.

Particolare attenzione sarà rivolta alle scolaresche, che potranno effettuare visite guidate, laboratori didattici e riproposizioni degli antichi mestieri. All’interno infatti verranno ricostruiti gli ambienti ed i mestieri di un tempo, legati non solo al lavoro dei campi ma anche appunto alle attività artigianali che si svolgevano negli antichi rioni salentini: arrotino, sellaio, calderaio, ciabattino, fornaciaio, conciapiatti, panieraio, muratore, fabbro, mastro d’ascia, ebanista, sarto, conciapelli, barbiere, scalpellino.
Vari spazi saranno riservati alla ricostruzione di vecchie consuetudini di vita (cantina, casa tipica) e all’esposizione dell’oggettistica di tutti i giorni, di diverso impiego, come attrezzi agricoli e pastorali, conservazione e molitura del grano, filatura e tessitura.

Per info:
Kalòs, Località “Serra di Galugnano”, Caprarica di Lecce

Tel: 0832 659821; 334 8205533

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *