Vieste, cuore del Gargano

Unica montagna ad ergersi unicamente su territorio pugliese, un tempo il Gargano era un’isola oggi unita alla terra grazie all’accumulo di depositi alluvionali che nei millenni l’hanno unita alla terraferma.

Il promontorio del Gargano si trova proprio in quel piccola zona dello stivale italiano che sembra uno sperone. Quel suo staccarsi dalla continuità dello stivale non è solo formale ma diventa incredibilmente reale. Promontorio di origine carsiche è lungo circa 70 chilometri e si lascia circondare dalle limpide acque dell’Adriatico. Come un’isola staccata dal continente, le caratteristiche ambientali e faunistiche sono molto diverse dai territori circostanti e lo rendono un territorio unico al mondo. Da qualche anno il Gargano è diventato anche Parco Nazionale e accoglie rarissime specie di piante e animali, come ad esempio il cisto di clusio, un’erba aromatica che cresce solo nella zona di Lesina.

Il paesaggio si alterna tra mari limpidi, caverne profonde e monti altissimi, come il monte Calvo che fa scena si sé su tutto il promontorio. I suoi duecento chilometri di costa traformano il promontorio garganico uno dei luoghi più attraenti per il turismo estivo. Qui le spiagge,le pinete, le grotte con l’imbocco dal mare, le dune e le insenature lo rendono un luogo ricco di bellezze naturali. Accanto a queste vi è un’intensa attività di promozione del territorio sostenuta da un ricco calendario di eventi culturali e storici.

La cittadina di Vieste è un approdo obbligato per chi passa nel Gargano. Con le sue attrezzature balneari, gli alberghi, i camping, i villaggi, i bed and breakfast e gli agriturismi, Vieste è in grado di soddisfare le richieste di pernottamento di tutti. Il suo centro storico, che si erge a su un monte e picco su un mare insignito più volte della Bandiera Blu, è un luogo estremamente suggestivo che narra le vicende del passato: dal Castello fatto costruire dall’imperatore Federico II alla Basilica a tre navate; dal campanile in stile barocco agli edifici in romanico pugliese, luoghi dove la storia del passato diventa presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *