Bari in Puglia

Bari è la più popolata tra le città della Puglia, con quasi 350.000 abitanti in città e, se si aggiunge l’area metropolitana intorno al comune si arriva a contare più di mezzo milione di persone.

L’aspetto di Bari è fortemente contrastato, in cui si esprimono le diverse anime della città, un centro storico antico, con il consueto impiantito medievale fatto di vicoli e strade strette e labirintiche e la città nuova, che se nel corso dell’ottocento si è sviluppata secondo un criterio di razionalità ed eleganza, nel secondo dopoguerra ha vissuto uno sviluppo irrazionale e caotico frutto di un incremento demografico ed urbano in parte incontrollato.

Importante luogo di traffico, Bari ha da sempre avuto una vocazione commerciale, grazie anche alla sua posizione che ne facilitava i collegamenti con le coste antistanti dell’Albania e della Grecia.

Mare a Bari

La sua storia affonda le radici nell’età del Bronzo, sebbene lo sviluppo vero e proprio della città avvenne sotto il dominio dei romani, che ne fecero un importante centro di commercio e portuale in stretto collegamento con l’entroterra grazie alla Via Traiana. La caduta dell’Impero Rmano significherà per Bari un lungo periodo di crisi, costellato da invasioni di popolazioni barbare, dai secolari scontri tra normanni e veneziani, bizantini, longobardi e saraceni che di volta in volta ne sono venuti in possesso. Un periodo di fiorente sviluppo sotto gli svevi sarà seguito ad una lunga decadenza, quando le sue terre saranno dominate prima dagli angioini e poi dagli aragonesi, per finire in mano agli spagnoli.

I veneziani ridaranno vigore e sviluppo alla città, incentivandole la vocazione mercantile e di punto nevralgico dei commerci con le coste balcaniche e l’entroterra pugliese. Dopo l’unità d’Italia, e soprattutto durante il ventennio fascista su Bari si concentreranno molti progetti ed investimenti, che faranno di Bari un importante metropoli del Sud Italia, ed il suo primato oggi è in costante crescita.

Una visita del patrimonio di arte storia e cultura parte dal suo antico centro storico, Barivecchia, in cui il dedalo di vicoli e strette strade solo recentemente rinnovato, conserva al suo interno la maggior parte delle testimonianze della millenaria storia di Bari.

La Basilica di San Nicola, realizzata in stile romanico pugliese è ricca di significati storici e religiosi per la città, sembra che sia stata edificata per ospitare le reliquie di S. Nicola, uno dei santi più venerati sia dal culto cattolico che da quello ortodosso, e le cui reliquie sono alla base di un contenzioso che oppose Bari a Venezia, in corsa per recuperare le reliquie del santo che erano conservate in Turchia, ed erano cadute in mano musulmana. La leggenda vuole che furono 62 marinai baresi a recarsi dove le spoglie del santo erano sepolte, a Myra, in Turchia, per trafugarle e portarle a Bari dove sarebbero state in seguito conservate.

La Cattedrale di San Sabino, la più importante chiesa di Bari dopo San Nicola, si trova anch’essa nella parte vecchia della città, ed ha una storia ricca di eventi, compresa la totale distruzione del duomo bizantino su cui è stata ricostruita nel dodicesimo secolo. Esempio di romanico-pugliese presenta una facciata sobria con un bel rosone decorato da sculture di animali fantastici. L’interno, dopo la parentesi barocca che l’ha decorato in maniera ridondante è ritornato alla caratteristica nudità delle chiese romaniche.

Non mancano, a Bari esempi eccelsi dell’epoca medievale, tra questi il Castello Svevo, che consta di due corpi separati, il castello vero e proprio edificato dai normanni ed i bastioni che sporgono sul mare, di epoca cinquecentesca.

Nella città nuova il Palazzo della Fiera del Levante, costruito negli anni ’30 e tutt’ora funzionante come uno dei momenti espositivi più interessanti della città, è un edificio dalle forme imponenti ed orientaleggianti che svetta sul lungomare.

Intorno a Bari, per chi volesse ammirare il mare non c’è che l’imbarazzo della scelta, dal sud di Manfredonia a Monopoli è un susseguirsi di spiagge e scogliere, per tutti i gusti, tra le più interessanti Torre a Mare e Mola di Bari per le spiagge, e Poligniano a Mare, dove gli scogli si gettano a capofitto nel mare e l’acqua è di un o splendido blu cristallino. Tutta la costa barese è ricca di interessanti località balneari da non perdere, sia dirigendosi a nord che a sud, fino ad arrivare cioè in prossimità della provincia di Brindisi, a Torre Canne. Potete trovare sia spiagge libere che stabilimenti balneari attrezzati.

Un pensiero su “Bari in Puglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *