Guida della Puglia parte I – Il territorio, le comunicazioni

La Puglia è divisa principalmente in sei regioni geografiche, il Gargano, il Subappennino Dauno, il Tavoliere delle Puglie, le Murge, l’Arco Ionico tarantino e il Salento, le quali sono comprese amministrativamente nelle sei provincie di Bari, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto e, di recente costituzione, la provincia di Barletta-Andria-Trani.

PugliaLa regione geograficamente comprende il “tacco” dello stivale formato dall’Italia nel cuore del Mare Mediterraneo, ed è bagnata ad est dal Mare Adriatico e ad ovest dal Mare Ionio. Lo sviluppo della linea costiera per estensione è tra i più lunghi d’Italia, superando i 700 chilometri.

La Puglia confina a nord con il Molise, ad est con la Campania ed a sud-est con la Basilicata.

E’ una regione caratterizzata da un territorio movimentato, collinare e montuoso, sebbene le cime più alte, Monte Cornacchia e Monte Calvo, superino a malapena i 1000 metri.

I sistemi collinari più ampi si trovano sull’altopiano delle Murge, nella parte centrale del territorio pugliese e nell’area delle Serre Salentine a sud, queste ultime di altezza decisamente modesta, perchè toccano al massimo i 200 metri di altitudine sul livello del mare nei punti più alti.

Il Tavoliere delle Puglie costituisce la parte pianeggiante della regione, compreso in un’area di territorio che occupa parte della Capitanata, la subregione geografico-culturale che coincide con l’antica Daunia, nell’odierna Provincia di Foggia, fino alla fascia costiera della Terra di Bari e la Pianura Salentina.

Non ci sono corsi d’acqua di rilievo, se si eccettuano i fiumi Ofanto e Fortore che tuttavia non nascono in territorio pugliese. La scarsità di fiumi e torrenti in superficie è dovuta principalmente alla naturale conformazione del terreno, che fa si che molta parte delle precipitazioni, abbondanti in autunno ed inverno, si infiltrino nel sottosuolo attraverso le gole formatesi nella roccia calcarea, e lì trovino il loro percorso fino al mare.

Vista la mancanza d’acqua dolce attingibile in superficie, agli inizi del ‘900 è stato costruito un importante acquedotto che raccoglie le acque da un ramo laterale del fiume Sele in Campagna e le trasporta fino a Santa Maria di Leuca.

Le principali comunicazioni stradali comprendono l’autostrada A14 che attraversa la Puglia toccando Foggia, Bari fino a Taranto. Un’altra grande direttrice corre lungo la Strada Statale 16 che tocca tutti gli altri capoluoghi di provincia. La SS7 collega Taranto a Brindisi, attraversando il Tavoliere delle Puglie.

Nella regione ci sono tre aeroporti, a Brindisi ed a Bari e, ultimo venuto anche Foggia, ed importanti scali portuali, Taranto per l’industria e le merci e Brindisi e Bari per il trasporto persone verso i Balcani, la Grecia, l’Albania e la Turchia.

Per quanto riguarda la rete ferroviaria, le Ferrovie dello Stato giungono fino a Brindisi, mentre da Bari verso Santa Maria di Leuca sono operative le Ferrovie del Sud Est, e le Ferrovie del Nord Barese collegano Bari a Barletta. La Ferrovia del Gargano collega i centri del Gargano settentrionale alla linea delle ferrovie statali, mentre le Ferrovie Apulo Lucane collegano la Puglia con la Basilicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *