Le Murge

Le Murge rappresenta la più estesa sub regione della Puglia, che si estende in forma rettangolare dalla valle dell’Ofanto fino alla soglia messapica, che la divide dal Salento.

E’ un altipiano praticamente regolare sa nella forma che per quanto riguarda le altitudini che rimangono costanti su tutta la superficie interessata; dal punto di vista geologico la conformazione del terreno è costituita per la qusi totalità da roccia calcarea.

E’ una regione che sin dall’antichità è stata colonizzata dall’uomo, perchè particolarmente favorevole alla coltivazione che infatti sugli altipiani della Murgia si è sviluppata notevolmente, soprattutto per quanto riguarda l’olivo, i vigneti ed i mandorleti.

Sono proprio le caratteristiche del terreno, sul quale l’acqua che scende abbondante soprattutto nei mesi autunnali e nell’inverno, ma non si ferma perchè viene convogliata attraverso le tipiche cavità carsiche nel sottosuolo, gli inghiottitoi, che ha favorito soprattutto le specie vegetali che hanno come habitat ideale proprio questo connubio di estati aride, scarsità di acque e caldo. Infatti il visitatore che si reca nelle Murge verrà subito colpito dalla vegetazione profumata, bassa e tormentata che ne caratterizza le ampie distese.

fotografia-puglia-0671

Oltre alla natura così pittoresca è ammirabile le millenaria opera dell’uomo, che in un territorio all’apparenza così duro e difficile, attraverso il sapiente recupero degli spazi coltivabili, i terrazzamenti, i muretti a secco, e le antiche costruzioni rurali, ha saputo creare un paesaggio dove il connubio tra natura e presenza dell’uomo riserva a che vi trascorre qualche giornata la sensazione di ritrovare le radici della cultura mediterranea, delle antiche tradizioni della vita rurale, che, per molti versi continua oggi con gli stessi ritmi del tempo che fu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *