Salento, La subacquea è donna

Lo sport subacqueo nacque negli anni venti del secolo scorso: tre pescatori subacquei giapponesi venuti in Europa per una manifestazione internazionale a Parigi, rimasero a girovagare lungo le coste del mediterraneo diffondendo la nuova disciplina venatoria. Da allora ne ha fatta di strada e si è aperta anche alle donne: in collaborazione con Scuba Diving e Costa del Sud, la subacquea in Salento dedica a tutte le donne un appuntamento esclusivo.
In Europa, e soprattutto in Italia, fino ad allora i primi inconsapevoli sportivi erano i pescatori che scendendo in immersione raccoglievano il pesce lasciato dai bombaroli; all’inizio di giugno, Otranto dedicherà tre giorni alle donne e alle immersioni nei fondali pugliesi.

In Italia l’attività didattica per imparare ad immergersi, sorse a l’isola d’Elba nel 1948, dovesi tennero dei corsi di turismo subacqueo , ripetuti l’anno successivo ad Ischia. Ad Otranto, Stefano Levanto e Andrea Costantini, professionisti riconosciuti a livello internazionale nel campo della subacquea, effettueranno con i rispettivi team, immersioni gratuite per le donne e immersioni al prezzo simbolico di 20 euro con le guide locali, per tutti, bambini compresi. Le immersioni saranno sia diurne che notturne, infatti l’1 giugno son previste immersioni guidate alle ore 19.00, precedute da prove gratuite in piscina.

Con l’avvento degli autorespiratori nacque la vera identità del mondo acquatico fino ad allora limitata al tempo dell’apnea. Con l’autorespiratore le pinne la maschera la possibilità di guardarsi intorno con calma è cresciuta, dando oggi l’opportunità  a chi si immerge nei mari del Salento di estasiarsi davanti alle favolose decorazioni delle pareti, alle distese di posidonia, alle grotte tipiche di questa zona.

Nel corso della manifestazione ci sarà la possibilità di assistere gratuitamente al convegno “La subacquea è donna”, previsto per le ore 18.30 del 2 giugno: si tratta di un incontro sulle esperienze della “Subacquea al femminile”, ion cui si parlerà anche della forte attrazione per il mare che da sempre caratterizza gli abitanti del Salento, che hanno iniziato ad immergersi e a conoscere accuratamente i fondali marini della costa salentina in un epoca dove lo sport subacqueo muoveva ancora i prima passi e dove tale disciplina veniva ancora vista e vissuta come un’attività per pochi, difficile e pericolosa. Si terrà presso il Castello di Otranto, e vanterà fra i relatori il Dott. Pasquale Longobardi, direttore sanitario del Centro Iperbarico di Ravenna dal 1989 e la Dott.ssa Laura Vernotico, specialista in Medicina dello Sport e Medicina del Nuoto e delle Attività Subacquee e Cristina Freghieri, scrittrice ricercatrice e sub professionista.

Numerose le manifestazioni collaterali che accompagneranno questo straordinario ed insolito evento: negli stessi giorni verrà organizzato un concorso fotografico da svolgere in loco, la cui premiazione avverrà il 3 giugno.
Verrà inoltre presentato libro “L’anello inutile” della giornalista e scrittrice Maria Pia Romano, che sott’acqua, proprio lì a Otranto, è felicemente convolata a nozze. È lei che ha trasmesso la passione paer la subacquea alle donne, ed iniziato al mare tante appassionate, ed è con lei che molte donne hanno vissuto le loro primissime esperienze subacquee sin da giovanissime. Una crescita ed una formazione che si è perpetuata costante nel tempo anche grazie all’apporto tecnico di validissimi istruttori salentini.

Insomma, Otranto mira ad essere un moderno ed efficiente centro immersioni che oggi concretamente manifesta quanto nel corso del tempo la passione verso lo sport subacqueo e l’amore verso il mare sono stati capaci di creare. Questa singolare manifestazione al femminile,  è l’espressione del lavoro speso negli anni e dell’intenso legame col mare dei salentini, che hanno tenacemente creduto e creato qualcosa che va oltre una semplice attività di servizi connessa alle attività marine.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *