I Romani in Puglia

I Romani

Fu l’esigenza di avere uno sbocco sul Mediterraneo, per contrastare i Cartaginesi , che spinse i romani a conquistare l’Apulia che era pressata a nord dai Sanniti, a ovest dai Lucani e a sud da Taranto. Secondo Tito Livio lo scoppio della seconda guerra sannitica nel 326 a.c. creò il primo contatto fra Roma e L’Apulia. Fu proprio in questo periodo che venne costruita la celebre via Appia  che collegava Roma ai più importanti centri pugliesi e che ogni 30-40 km era dotata di stazioni che avevano tutto l’occorrente per il ristoro dei cavalli e degli alloggiatori.

La sconfitta dei Sanniti e le continue lotte fra Messapi e Tarantini, permisero ai romani l’unificazione culturale e civile di strirpi diverse.

Con la seconda guerra punica, o guerra annibalica , tale unificazione fu interrotta da Annibale che nel 216 a.C. a Canne ebbe il sopravvento su Roma. Dopo questa guerra  i rapporti tra Roma e le città apule sottomesse migliorarono in quanto i romani rispettarono la loro lingua, le loro tradizioni e la loro autonomia amministrativa.

Sotto Traiano, si ebbe oltre che uno splendido governo compreso fra il  98-117 anche la costruzione dell’ Appia Traiana cioè un prolungamento dell’Appia Antica che snodandosi per circa 300 km collegava Benevanto a Brindisi passando per importanti centri commerciali come Canosa, Canne e Bari.

Nel III sec. si formarono sia  i primi municipi, cioè delle strutture amministrative locali che erano rette da una curia, sia le province che avevano propri funzionari di nomina regia ed elettiva.

Tra il III e il IV sec. l’Impero stava andando verso la sua rovina nonostante i numerosi tentativi di Diocleziano (284-305), Costantino il Grande (306-337) e Teodosio il Grande (379-395).

Tra il 455 e il 475, si alternarono al comando dell’impero Romano d’Occidente 9 imperatori, l’ultimo dei quali Romolo Augustolo, fu elevato alla dignità imperiale dal padre Oreste, comandante dell’esercito, quando aveva solo 14 anni. Nel 476, Odoacre, re degli Eruli uccidendo Oreste ed esiliando suo figlio portò alla definitiva decadenza dell’Impero Romano d’Occidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *