Il significato della festa della Madonna delle Grazie ad Andrano

A metà strada tra Santa Maria di Leuca e Otranto, si trova Andrano, presso uno dei litorali più belli del Salento, dato l’alternarsi di spiagge e scogliere, e per la rigogliosa vegetazione. Considerato uno dei maggiori centri di produzione della ceramica del Salento, vanta una molto antica tradizione di artigianato.
Sulla scorta della presa di coscienza da parte di numerose comunità locali salentine, dell’importanza di tutelare tradizioni ed usanze tipiche, si propongono in Puglia antiche sagre, e antiche feste orientate alla valorizzazione delle testimonianze di fede e ad una maggiore diffusione di alcuni fra i più importanti prodotti locali.
Accanto alle feste e alle sagre più note, puntualmente riproposte, si riprendono oggi antiche feste che si riagganciano a tradizioni precedenti ma che si sono rinnovate.

La festa in onore della Madonna delle Grazie, si apre tuttora con un vivace suono di campane, unito allo scoppio di mortaretti e al suono della banda musicale che percorre le vie della cittadina. In Chiesa le autorità e i fedeli assisteranno ai solenni vespri cantati e alla benedizione Eucaristica.
Il programma della festa in onore della Madonna delle Grazie è ricco di manifestazioni religiose musicali, artistiche, culturali, sportive, mostre, cabaret, artisti di strada, concerti che animeranno Andrano in ogni sua parte, sia il Centro Storico che tutto il perimetro abitato.
Momento di grande emotività sarà rappresentato dalla solenne processione in onore della Madonna delle Grazie.

Nei pressi della chiesa parrocchiale di S. Andrea Apostolo su Via Roma, si eleva la chiesa della Comunità Parrocchiale nota come chiesa del Convento. La denominazione storica originaria, però, è stata  “Chiesa di Santa Maria della Grazia”. La chiesetta dedicata a santa Maria della Grazia, fu in seguito radicalmente ristrutturata per adeguarla alle esigenze dei fedeli e cambiò titolo, divenendo Chiesa di Santa Maria delle Grazie.
Infatti un suggestivo e commovente affresco scoperto nel 1875 nell’ala destra dell’edificio, giustifica questa denominazione: un’epigrafe riportata sulla parete posteriore dell’altare maggiore che parla di una “grazia”, e una incisione su pietra, fanno pensare che la “grazia” fosse quella che la Madonna aveva concesso  salvando la comunità dall’invasione musulmana avvenuta nel territorio nel 1480.


Questo affresco, presso il quale numerosi fedeli si fermano a pregare nei giorni della festa,  è caratterizzato dall’immagine della Madonna col Bambino che impugna tre dardi nella destra e il libro del Vangelo nella sinistra, e sovrasta la Cattedrale otrantina, davanti al cui portale giace un eroe andranese, abbattuto a morte dai feroci invasori.
Inoltre la leggenda narra che nell’ ottobre del 1819 un uragano devastò il campanile della chiesa parrocchiale di Andrano seppellendo sotto le macerie un’intera famiglia che, sorprendentemente, ne uscì incolume per un miracolo della Madonna delle Grazie delle Grazie invocata nel tragico evento.

Qui ad Andrano ha ancora un seguito la devozione popolare verso la Madonna: si tratta di una forma di religiosità popolare che dura dopo la fine dell’esistenza terrena della Madre del Cristo, famosa per le sue doti di carità, per il suo messaggio di solidarietà, per la sua pietà semplice e didascalica, per la sua opera di costante misericordia verso i poveri, i diseredati, gli emarginati.
Si sa che una volta estintasi la generazione degli anziani, ben difficilmente le generazioni che seguono mantengono poi altrettanto vivido il ricordo del miracolo e dunque della devozione: manca loro la partecipazione diretta ad un rapporto interpersonale fondante, per cui quasi ogni legame sembra cadere, il filo del ricordo si affievolisce, la connessione con il passato tende ad interrompersi. Ma ad Andrano non è così; la festa della Madonna delle Grazie ad Andrano, è ancora ricca di significati religiosi che si fondono con antichi riti e credenze popolari, dove si celebrano anche ricorrenze ed eventi, e non mancheranno piatti tipici e curiosità.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *